Attentato all’aeroporto di Istanbul, 41 morti

Tre kamikaze si sono fatti esplodere all’interno del terminal internazionale dell’aeroporto Ataturk di Istanbul. Almeno 150 i feriti.

Quarantino persone sono morte in un attacco suicida all’aeroporto internazionale di Istanbul, in Turchia. Due violente esplosioni (tre secondo alcune fonti non confermate) hanno distrutto una parte del terminal dedicato ai voli internazionali: le deflagrazioni sono arrivate – secondo quanto riferito dal ministro della Giustizia Bekir Bozdag – alle 22:00 ora locale (le 21:00 in Italia), dopo che “un terrorista aveva sparato alcuni colpi di kalashnikov”.

Attentato all'aeroporto Atataturk di Istanbul

Sul posto decine di ambulanze

Attentato all'aeroporto Atataturk di Istanbul

Secondo quanto riportato dall’agenzia Afp, la strage sarebbe opera di tre kamikaze. Le autorità parlano anche di non meno di 150 feriti. Sul posto sono immediatamente intervenute decine di ambulanze, e la polizia ha circondato la zona instaurando un perimetro di sicurezza attorno allo scalo.

Attentato all'aeroporto Atataturk di Istanbul

Le immagini che pochi minuti dopo hanno cominciato a circolare su Twitter ricordano quelle dell’aeroporto Zaventem di Bruxelles, nel quale il 22 marzo sono morte trentadue persone e altre 340 sono rimaste ferite.

Attentato all'aeroporto Atataturk di Istanbul

Aeroporto di Ataturk evacuato, voli dirottati negli scali limitrofi

Attentato all'aeroporto Atataturk di Istanbul

Alcune foto scattate all’interno dell’hub mostrano gravi danni materiali. Le persone ferite vengono soccorse sul marciapiede della strada di fronte all’ingresso dell’aeroporto, dove si sono riversate anche numerose centinaia di persone in fuga.

Turchia Istanbul attentato
Passeggeri e dipendenti dell’aeroporto di Istanbul in fuga dopo le esplosioni ©Ozan Kose/Afp/Getty Images

Non sono ancora giunte rivendicazioni, ma Abdullah Agar, esperto di sicurezza e di terrorismo intervistato dalla Cnn-Turchia, ha indicato la pista jihadista come la più probabile, tenuto conto del tipo di attentato.

Il premier turco Binali Yildirim ha attivato un’unità di crisi e sta lasciando la capitale Ankara per dirigersi a Istanbul. Nel frattempo, lo scalo è stato evacuato e chiuso: molti voli sono stati dirottati verso gli scali limitrofi. In 12 mesi, i morti per terrorismo in Turchia sono oltre 200.

 

Articoli correlati