Nasce a Mantova il Bee Hotel, il primo albergo per le api in Italia

Il Bee hotel a Mantova è dedicato interamente alle api solitarie per tutelare la biodiversità in città e favorire il prezioso lavoro di questi insetti impollinatori.

Il progetto Bee hotel Mantova nasce dalla volontà di realizzare in zone verdi cittadine arredi urbani per ospitare le api, in modo anche da educare e sensibilizzare i cittadini sull’importanza della loro salvaguardia. Dietro il progetto c’è l’Associazione apicoltori Mantova che ha voluto sperimentare insieme a Realizzatori di idee, azienda produttrice di arredi per pubblici esercizi, un modo innovativo per contribuire alla tutela delle api solitarie in città. Insieme al comune di Mantova che ha patrocinato il progetto, il team di Realizzatori di idee ha scelto i giardini Fraccalini sul lungolago Mincio di Mantova, vicino al parco della Scienza, per ospitare l’albergo delle api, un luogo immerso nel verde e con una buona affluenza di persone.

bee hotel, mantova
Il Bee Hotel a Mantova all’interno dei giardini Fraccalini sul lungolago Mincio di Mantova, vicino al parco della Scienza © Realizzatori di idee

L’idea prende spunto da iniziative analoghe diffuse in altri paesi europei. Gli ospiti di questo innovativo hotel mantovano, a dispetto di tanti pregiudizi, non causano fastidi alle persone ma al contrario le aiutano, impollinando il 70 per cento delle principali coltivazioni destinate al consumo umano e svolgendo un’importante funzione di monitoraggio ambientale.

Leggi anche: Honey factory, entra in un’arnia e scopri come vive un’ape in città

La struttura del Bee hotel di Mantova

La struttura è stata realizzata interamente in legno ed è alta 2,20 metri e larga 2,50. All’interno della struttura foglie, canne di bambù, tronchi secchi, sezioni di legno forate, corteccia, mattoni e pigne sono solo alcuni dei materiali utilizzati per ricreare i diversi habitat ideali per ciascuna delle specie di api – che in Italia sono circa 960, più di un terzo del numero totale di quelle presenti in Europa. Grazie a questi accorgimenti e alla sua posizione strategica l’albergo per le api fornisce a questi insetti le condizioni ideali per vivere dando loro la possibilità di nutrirsi dei fiori presenti nel parco e riprodursi depositando le proprie uova nelle cavità.

Leggi anche: Come stanno le api in Italia

rendering_bee_hotel_mantova
Un rendering prodotto da Realizzatori di Idee mostra la struttura esagonale del Bee Hotel e i materiali presenti al suo interno © Realizzatori di idee

Le dieci celle sono state realizzate a forma esagonale per riprendere la geometria naturale della struttura degli alveari. Due degli esagoni verranno lasciati liberi perché siano i bambini delle scuole mantovane a completarli, così da coinvolgerli e sensibilizzarli sul tema. La struttura, infatti, presenta anche un totem con dati e schede informative per far conoscere più da vicino il mondo delle api. Per garantire e promuovere l’informazione su quest’argomento l’Associazione apicoltori mantovani ha voluto inserire all’interno del proprio sito un’area dedicata al Bee hotel dove poter trovare informazioni sulle varie specie di api solitarie e molte altre nozioni in merito al loro ruolo di impollinatori.

Cosa sono le api solitarie

Gli ospiti del Bee hotel saranno le api solitarie che a differenza delle api mellifere non sono sociali ma ognuna depone e nutre la propria prole. Dipendono quasi esclusivamente dai fiori per approvvigionarsi di proteine, lipidi e zuccheri durante il ciclo vitale. Le api solitarie fanno parte della superfamiglia Apoidea in cui si contano in tutto sette famiglie: Melittidae, Colletidae, Halictidae, Andrenidae, Apidae, Megachilidae e Antophoridae. Non vivono in alveari ma realizzano le loro cellule nido individuali in gallerie e piccoli buchi nel terreno sabbioso o argilloso o negli steli di piante morte. Sono innocue ma soprattutto molto importanti perché impollinano le colture frutticole. Inoltre, a differenza delle api domestiche, questi insetti non producono miele e pur essendo dotate di un pungiglione lo utilizzano molto raramente. Oltre a esse, la struttura ospiterà anche farfalle, coccinelle, forbici e altri insetti: un luogo ideale per promuovere la biodiversità in città.

bee hotel, mantova
L’ape è il più importante insetto per l’impollinazione, un processo fondamentale per la riproduzione delle piante e quindi per tutti gli esseri viventi

Combattere lo spopolamento degli alveari

Negli ultimi anni stiamo assistendo a una vera e proprio moria delle api causata da fattori come l’agricoltura intensiva, l’utilizzo dei pesticidi e i cambiamenti climatici. Non solo in Italia ma in tutta Europa gli alveari sono dimezzati e in tanti paesi del mondo continuano a diminuire drasticamente. L’ape è il più importante insetto per l’impollinazione, un processo fondamentale per la riproduzione delle piante e quindi per tutti gli esseri viventi. Su cento specie di colture che forniscono il 90 per cento dell’alimentazione nel mondo, oltre il 70 per cento vengono impollinate solo dalle api. Questo significa che se dovessero scomparire migliaia di piante farebbero la stessa fine, causando terribili carestie.

api_casetta_bee_hotel_impollinazione_salvaguardia
Un esempio di casa per le api che ognuno di noi può costruire nel proprio giardino per favorire l’attività di questi preziosi insetti

Una casa per le api fai da te

Per combattere questo problema sono molte le iniziative e le petizioni ma soprattutto esistono facili soluzioni pratiche che ci consentono nel nostro piccolo di favorire la sopravvivenza di questi preziosi insetti. Come viene anche mostrato su uno degli esagoni del Bee hotel possiamo: seminare piante e fiori dove e quando possibile; fornire supporto alle associazioni di apicoltori; e addirittura costruire un piccolo rifugio per api nel nostro giardino seguendo l’esempio di questo albergo, e non avendo paura di essere punti in quanto sono insetti innocui se non volontariamente infastiditi. Gesti e azioni concrete per salvaguardare questi preziosi impollinatori che per causa nostra rischiano di scomparire.

Leggi anche: Le api non fanno solo il miele. Il nostro futuro dipende anche da loro. Scopri come difenderle con Bee my Future

Articoli correlati