Brexit, annullato il voto del Parlamento britannico. Londra vuole rinegoziare l’accordo con l’Unione europea

Procrastinato il voto del Parlamento britannico sull’accordo tra Regno Unito e Unione europea sulla Brexit. La premier Theresa May vuole rinegoziare.

Il primo ministro britannico Theresa May ha annunciato, lunedì 10 dicembre, che il voto del Parlamento di Londra sulla Brexit, il processo di uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea, è stato procrastinato. Prevista domani, la seduta avrebbe dovuto approvare o rigettare l’accordo, frutto di 17 mesi di negoziati con Bruxelles. Ma un ok da parte dei deputati è decisamente poco probabile: critiche all’accordo sono piovute addosso al governo, infatti, da tutte le sponde politiche.


Il nodo politico della frontiera irlandese

Per questo la premier ha deciso di prendere tempo. Poco prima delle 15, ha annunciato ai propri ministri la decisione di volersi recare nuovamente nella capitale belga per rivedere alcuni punti dell’intesa raggiunta sui confini tra Irlanda e Irlanda del Nord. Ovvero di uno dei nodi più complessi da sciogliere nell’ambito della Brexit. Secondo la “clausola di salvaguardia” (“backstop”) negoziata con l’Ue, infatti, l’Irlanda del Nord potrebbe rimanere di fatto nel mercato comune europeo e nell’unione doganale. Un punto sul quale Bruxelles è stata inflessibile. La stessa Commissione europea ha fatto sapere inoltre che da parte sua non c’è alcune intenzione di riavviare i negoziati.

brexit may parlamento ue
Una manifestazione contro la Brexit a Londra © Dan Kitwood/Getty Images

Lunedì, non a caso, il ministro degli Esteri tedesco Heiko Mass ha affermato: “Non vero cosa si possa cambiare dell’accordo”. D’altra parte, la necessità di non ripristinare una vera frontiera era stata ammessa, nel 2017, dalla stessa Theresa May, che si era impegnata in questo senso, al fine di preservare gli accordi di pace del 1998.

Il voto sulla Brexit dovrebbe arrivare entro il 21 gennaio

Secondo quanto riportato dal Telegraph, il voto dovrebbe arrivare entro il 21 gennaio. Secondo il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon, la decisione di procrastinare la seduta parlamentare non è altro che “un patetico atto di vigliaccheria”, da parte di un governo “che sprofonda nel caos”. Aggiungendo che il Partito nazionale scozzese sosterrà un’eventuale mozione di sfiducia contro Theresa May, qualora esse dovesse essere presentata alla Camera dei Comuni dal Partito laburista (principale forza di opposizione parlamentare).

Il leader di quest’ultimo, Jeremy Corbyn, ha approfittato per incalzare il primo ministro: “Theresa May tenta di giocare un’ultima carta per salvare l’accordo. Ma se non saranno apportati cambiamenti profondi, è bene che faccia un passo indietro e lasci negoziare chi è in grado di farlo”.

Articoli correlati