Cooperazione internazionale

Un cinema itinerante per i paesi d’Africa per far capire alle persone i rischi della migrazione

Il cinema come strumento di informazione per salvare vite umane: è lo scopo di Cinemarena, un progetto della Farnesina che promuove una migrazione più consapevole nei villaggi più isolati d’Africa.

Quando la carovana di camion arriva nel villaggio africano, decine di bambini la inseguono curiosi. I volontari scendono, srotolano un telo bianco e dopo aver aspettato il calar della sera, la proiezione comincia. Questo è quello che Cinemarena, il cinema itinerante tra i paesi dell’Africa, proporrà in oltre 200 villaggi tra Senegal, Costa d’Avorio, Guinea, Gambia, Nigeria e Sudan fino ad aprile 2019. Un progetto che si rivolge ai potenziali migranti e far conoscere loro i rischi e i pericoli, promuovendo una corretta informazione.

Cinemarena in Burkina Faso
Un camion del Cinemarena arriva in un villaggio del Burkina Faso © Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo

“Ho trascorso 5 mesi in prigione”

Il cinema all’aperto è realizzato in sinergia con la campagna informativa Aware Migrants dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), campagna che raccoglie testimonianze dei migranti sopravvissuti al viaggio e arrivati in Europa. Nelle interviste i protagonisti raccontano i pericoli affrontati a partire dall’attraversamento nel deserto fino alla traversata del mar Mediterraneo per raggiungere nuovi continenti, tra cui l’Europa, e senza nascondere il rischio di un respingimento nel paese di origine una volta arrivati.

Leggi anche: William Lacy Swing, Oim. I governi devono risolvere l’equazione migranti, sicurezza e ambiente

“Ho trascorso cinque mesi in prigione e nessuno mi ha aiutato”, racconta Jessica, 21 anni. “Delle sette barche su cui siamo stati imbarcati, solo tre sono sopravvissute”, è la testimonianza di Bright, 26 anni. “È un viaggio molto rischioso. Molti africani sono morti sulla strada. Due ragazzi sono morti in mia presenza nel deserto perché non avevano, né acqua, né cibo e c’era un sole molto caldo”, è ciò che dice Imasuen, 29 anni. Tutte queste sono testimonianze di sopravvissuti arrivati in Italia

Il cinema è rivolto ai giovani africani

“Non si tratta di un modo per dissuadere chi vuole partire, ma piuttosto per consentire una scelta consapevole dei rischi a cui va incontro chi vuole lasciare la sua terra”, ha spiegato Luigi Maria Vignali, direttore per le politiche migratorie del ministero degli Esteri, durante la presentazione del progetto alla Farnesina.

Leggi anche: 34.361 persone sono morte in oltre vent’anni nel tentativo vano di raggiungere l’Europa

Realizzato con i finanziamenti del Fondo Africa istituito nel 2017 e su iniziativa dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (Aics), Cinemarena sfrutta il linguaggio del cinema per entrare in contatto con le comunità locali spesso isolate, ma soprattutto per attirare i più giovani: i minori non accompagnati sono infatti ormai il 15 per cento di chi parte. “Le trappole e i gravi pericoli che il viaggio riserva ai minori non accompagnati – ha aggiunto Vignali – sono sconosciuti alle tante famiglie che, sperando per loro in un futuro migliore, affidano i propri figli ai trafficanti”.

CinemArena in Burkina Faso
Il tendone bianco di CinemArena viaggia in centinaia di villaggi dell’Africa © Cooperazione Italia alla Sviluppo

Non solo immigrazione

Grazie ai suoi mezzi 4×4 equipaggiati con maxischermo e impianto fotovoltaico, le proiezioni nei villaggi possono durare fino a quattro ore. Nell’ultima edizione del cinema itinerante, gli abitanti sono stati coinvolti nella registrazione di interviste e sketch – in questa occasione sul tema della migrazione – poi proiettati nel corso dell’evento.

Ma l’iniziativa di Cinemarena, nata nel 2002, non si è limitata solo alla tematica dell’immigrazione. Negli anni ha promosso campagne educative e di informazione su temi diversi, come per esempio nel campo della salute, in particolare con la prevenzione dall’Hiv, oppure, come successo in Mozambico nell’estate 2018, pure i mondiali di calcio.

Articoli correlati