Clima, vittoria storica delle nazioni insulari presso un tribunale internazionale

Secondo il Tribunale internazionale del diritto marittimo i governi hanno l’obbligo di lottare contro i cambiamenti climatici. Ecco cosa può cambiare ora.

È una vittoria storica quella incassata dalle nazioni insulari di fronte al Tribunale internazionale del diritto marittimo (International tribunal for the Law of the sea, anche noto con la sigla Itlos). Martedì 21 maggio, la corte che fa capo alle Nazioni Unite si è espressa a favore di una richiesta giunta da una coalizione dai piccoli stati-isola. Questi ultimi reclamavano un obbligo in capo alle nazioni che hanno ratificato la Convenzione Onu sul diritto del mare di rafforzare le misure di mitigazione dei cambiamenti climatici.

Cosa ha deciso il Tribunale internazionale

Il tribunale – la cui sede è ad Hannover, in Germania – ritiene infatti che il trattato in questione imponga “specifici obblighi al fine di adottare le politiche necessarie per prevenire, ridurre e gestire gli impatti sul mare dovuti alle emissioni di gas ad effetto serra”. Si tratta di una decisione che riguarda ben 169 stati di tutto il mondo. Che ora, secondo la stessa corte, dovranno fare tutto ciò che è nelle loro possibilità per “centrare l’obiettivo dell’Accordo di Parigi di limitare la crescita della temperatura media globale ad 1,5 gradi centigradi”.

I giudici hanno aggiunto che i governi devono anche “proteggere e preservare gli oceani agli impatti dell’acidificazione”, nonché “ripristinare” gli ecosistemi già distrutti. Per farlo, inoltre, dovranno basarsi “sulle migliori conoscenze scientifiche”, e mostrarsi “diligenti” in ragione dei “rischi importanti di pregiudizi gravi e irreversibili all’ambiente marino legati alle emissioni di CO2”.

La celebre dichiarazione del ministro di Tuvalu per la Cop26, registrata simbolicamente con i piedi immersi nell’oceano © ministry of Justice, Communication and Foreign affairs / Facebook

“Senza un’azione rapida e ambiziosa, i cambiamenti climatici potrebbero impedire ai miei figli e ai miei nipoti di vivere sull’isola dei loro antenati, la nostra casa”, ha commentato Alfonso Browne, prima ministro di Antigua e Barbuda.

Le decisioni non sono vincolanti, ma possono incidere sui tribunali nazionali

L’organismo giudiziario in questione, tuttavia, non ha potere coercitivo. Le sue sentenze sono infatti considerate come dei pareri non vincolanti. C’è però una conseguenza diretta di tale sentenza, legata al fatto che, d’ora in poi, i tribunali nazionali dovranno interpretare il trattato in tal senso. È possibile, perciò, che possano nascere azioni legali in ciascuna giurisdizione e che esse possano andare per questa ragione a buon fine.

È proprio per questa ragione che l’alleanza di paesi insulari che ha promosso l’iniziativa ha parlato di “sentenza storica” che riafferma anche la loro “leadership in questa sfida cruciale per l’avvenire dell’umanità”. Del gruppo fanno parte Antigua e Barbuda, Bahamas, Niue, Palau, Saint Kitts e Nevis, Saint Lucia, Saint Vincent e Grenadine, Tuvalu e Vanuatu.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati
India, temperature alle stelle: verifiche su un valore di 52,9 a Nuova Delhi

Martedì 28 maggio due stazioni meteorologiche situate nella capitale dell’India, Nuova Delhi, hanno registrato una temperatura record. Ben 52,9 gradi centigradi all’ombra. un valore straordinario e che supera perfino quello registrato nel maggio del 2022, quando la colonnina di mercurio aveva raggiunto i 49,2 gradi. La settimana scorsa quasi 48 gradi centigradi a Nuova Delhi