Colombia, il parco nazionale Chiribiquete diventerà uno dei più grandi al mondo

La Colombia ha annunciato che la superficie dell’area protetta, situata nel cuore dell’Amazzonia colombiana, sarà ampliata di 1,5 milioni di ettari per contrastare la deforestazione.

Il parco nazionale Chiribiquete, situato nel cuore dell’Amazzonia colombiana, è un’enorme area protetta, con i suoi tre milioni di ettari di superficie è la più grande riserva naturale del Paese. L’area protetta, ancora largamente inesplorata perché controllata fino a poco tempo fa dai guerriglieri delle Farc, è caratterizzata da una fitta foresta equatoriale, montagne che superano i mille metri di altitudine, alcune delle pitture rupestri più antiche del continente e una biodiversità incredibilmente ricca. Il presidente della Colombia Juan Manuel Santos ha annunciato, in una recente conferenza stampa, che sono terminati gli studi per il piano di espansione del parco, la cui superficie sarà ampliata di circa 1,5 milioni di ettari.

Alligatore che emerge dal fiume
Nell’area protetta sono state già scoperte 90 nuove specie di piante e animali © Chris McGrath/Getty Images

Un polmone contro al deforestazione

L’ampliamento renderà il parco nazionale Chiribiquete una delle aree protette più importanti e vaste al mondo, con un’area totale di quasi 4,5 milioni di ettari. La decisione diventa ancor più importante alla luce della distruzione che sta subendo la foresta pluviale amazzonica. Sorvolando questa foresta, dove un tempo le canopie degli alberi formavano un unico impenetrabile tetto, si notano ora enormi macchie senza alberi, aree che un tempo ospitavano numerose specie animali e vegetali trasformate in sterili pascoli.

Allevamento di bovini nell'amazzonia brasiliana
La deforestazione per creare radure per il pascolo del bestiame rappresenta una delle principali minacce per la foresta amazzonica © Mario Tama/Getty Images

Amazzonia sotto attacco

Appena al di fuori dei confini del parco l’accaparramento delle terre rappresenta un grave problema, come sottolineato da Rodrigo Botero, direttore della Fondazione per lo sviluppo sostenibile dell’Amazzonia, che ha fornito consulenza tecnica per il piano di espansione del parco Chiribiquete. “È un fenomeno incontrollato e quasi puramente speculativo, poiché la terra disboscata spesso non viene neppure coltivata ma si aspetta che ne aumenti il valore – ha spiegato Botero. – Anche la costruzione di strade, l’allevamento di bestiame, la coltivazione di coca, cacao e palme da olio stanno causando un grande impatto in quella zona”.

Roccaforte per la biodiversità

L’espansione del parco Chiribiquete rappresenta dunque un importante passo avanti nella protezione del patrimonio ecologico della Colombia. L’ampliamento consentirà di collegare, tramite un corridoio ecologico protetto, l’area protetta ai parchi nazionali Sierra de La Macarena e Sumapaz. “Integreremo l’Amazzonia con le Ande – ha affermato Botero – è come avere un corridoio tra il sud di Bogotà e il cuore della foresta amazzonica”.

Foresta pluviale in Colombia
Il parco nazionale Chiribiquete è attualmente oggetto di nuove esplorazioni e nel 2018 potrebbe essere inserito dall’Unesco tra i patrimoni dell’umanità © Nick Pedersen/Flickr

500 milioni per l’ambiente

In occasione dell’annuncio dell’ampliamento dell’area protetta, è stato anche comunicato che saranno investiti cinquecento milioni di dollari, ottenuti sistema di compensazione ambientale pagato dalle aziende, per la conservazione e il restauro degli ecosistemi colombiani e per promuovere attività di utilizzo del suolo sostenibili al fine di ridurre la deforestazione e conservare la biodiversità.

Articoli correlati