Impeachment per Dilma Rousseff, il Senato approva

Il Senato brasiliano approva la procedura di impeachment contro la presidente Dilma Rousseff. Michel Temer prenderà il suo posto.

La presidente del Brasile Dilma Rousseff dovrà affrontare il processo per impeachment. Lo ha stabilito il senato brasiliano con una votazione drammatica durata tutta la notte, al termine della quale il numero chiave di 41 voti per il ‘si’ all’avvio della procedura giudiziaria nei confronti della presidente è stato raggiunto e superato. La votazione si è conclusa con 55 senatori a favore e 22 contrari.

 

 

Una fase piena di incertezze per Rousseff

Quella che molti commentatori concordano nel definire “la notte più buia per la giovane democrazia brasiliana” introduce il paese, già fortemente diviso e in piena recessione, in una fase di incertezza senza precedenti. La presidente è accusata di aver violato la legge di responsabilità fiscale, truccando i conti pubblici per nascondere il grave stato delle finanze prima della sua rielezione nel 2014. Secondo quanto riferiscono i quotidiani brasiliani, nei prossimi giorni i poteri verranno assunti dal vicepresidente Michel Temer, mentre Rousseff sarà sospesa fino a 6 mesi, il tempo necessario per costruire la sua difesa. Tra 180 giorni, dopo aver ascoltato le tesi difensive di Rousseff, il Senato voterà ancora; questa volta sarà necessaria la maggioranza dei due terzi dei senatori affinché la presidente sia effettivamente destituita.  

 

brasile, lula
Una manifestazione di protesta contro il governo a Brasilia © Mario Tama/Getty Images

Verso le Olimpiadi di Rio 2016

Con i riflettori olimpici in procinto di accendersi il prossimo 5 agosto e l’emergenza sanitaria dettata dal virus Zika tutt’altro che risolta, il paese si prepara ad affrontare una delle fasi più critiche della sua storia recente. Il Partito dei lavoratori, al potere da 13 anni, e l’intera classe politica brasiliana sono invischiati in uno scandalo per corruzione di portata storica mentre l’economia non riesce a ripartire.  

 

 

Un paese diviso

Tuttavia sono in molti a sentirsi a disagio per come si stia cercando di destituire la prima presidente donna del Brasile, considerata uno dei politici meno corrotti. Nel sistema presidenziale puro, in vigore nel paese, infatti, l’impeachment si giustifica solo se il presidente ha mentito alla nazione. E ciò – di fatto – non è avvenuto. Per questo molti costituzionalisti ed ex presidenti della Repubblica, pur distanti politicamente da Rousseff, non condividono la messa in stato d’accusa per impeachment. Con tutta probabilità, quando tra settembre o ottobre, sarà chiamata a difendersi dalle accuse, Dilma Rousseff incentrerà la sua difesa sulla tesi, già più volte avanzata, che l’impeachment sia in realtà frutto di un complotto, e di essere vittima di una sorta di “golpe bianco”.

Articoli correlati