I dinosauri “tornano in vita”, grazie ai droni

La tecnologia dei droni è in grado di raccontare la storia dei dinosauri che vivevano in Australia milioni di anni fa.

Le nuove tecnologie non servono solo a monitorare la biodiversità “moderna”. Oggi riportano in vita anche i dinosauri, per la felicità di chi da piccolo fantasticava su di essi. Tra rocce frastagliate e difficilmente raggiungibili nella regione del West-Kimberley in Australia, un drone che vola a bassa quota telecomandato da un gruppo di paleontologi dell’Università del Queensland sta documentando impronte di dinosauri di 130 milioni di anni fa.

 

drone-dinosauri-1

Foto: © Mashable.com

A ogni nuova ricognizione, il gruppo di studiosi capitanato dal paleontologo Steve Salisbury raccoglie sempre più informazioni sulla megafauna antica, ricostruendone i percorsi attraverso la rilevazione delle impronte “incise” nella pietra lungo un tratto di 200 km situato a nord della città di Broome.

 

drone-dinosauri-2

 

Le videoriprese delle tracce dei teropodi (come i T-rex) e dei sauropodi (come per esempio i brontosauri) catturate dal dino-drone, come l’ha ribattezzato Salisbury, saranno poi rielaborate in 3D per ricostruire il paleoambiente e confrontarlo con la configurazione attuale delle coste. Alcune ricostruzioni sono già presenti sull’account twitter di uno dei membri della spedizione, Anthony Romilio.

 

 

 

 

L’utilizzo dei droni da parte di naturalisti, paleontologi e archeologi per i rilevamenti in aree “difficili” sta prendendo sempre più piede per scoprire i movimenti della fauna (antica e moderna) e conoscere sempre meglio le civiltà del passato.

 

drone-dinosauri-3

 

 

In copertina: foto © Getty Images che riporta una ricostruzione avvenuta a Melbourne nel 2011
Articoli correlati