Esercizio pratico: “dipingere” il partner con la luce

Per guidarci in questo percorso che, sulle prime, pu

Secondo Liz Estrata, quando facciamo l’amore con qualcuno per la
prima volta, il nostro cuore è aperto, e produciamo molti
“ormoni buoni” come le endorfine e l’ossitocina, prima che, in
incontri successivi, la nostra programmazione biologica ci spinga a
cercare maggiormente l’orgasmo, ovvero la dopamina che esso
produce, divenendo sessualmente più aggressivi.

Per preservare la “vicinanza mistica” delle nostre prime unioni, la
studiosa americana consiglia di evitare i preliminari tradizionali
e i rapporti sessuali vigorosi.
Per allenarsi a farlo, è possibile provare subito, con il
proprio partner, il seguente esercizio:

  • Sedetevi comodi e tranquilli l’uno di fronte all’altro, con
    tutto il tempo che volete a disposizione. Decidete chi sarà
    il primo a stringere le mani dell’altro alla fine di questa parte
    dell’esercizio. Quindi, lasciate andare tutti i pensieri estranei,
    chiudete gli occhi, toccatevi reciprocamente il cuore con la mano
    destra e tenetevi con la mano sinistra per qualche minuto.
  • A questo punto, sedetevi accanto al vostro partner mentre
    quest’ultimo è sdraiato, e toccatelo delicatamente dalla
    testa alla punta dei piedi, senza alcuna intenzione di stimolarlo
    sessualmente. Immaginate che le vostre mani risplendano di energia
    guaritrice, e che con il vostro tocco possiate attivare la
    capacità di rilassarsi del vostro partner. Lentamente e con
    dolcezza, “dipingete” il vostro partner con questa luce, dando
    particolare attenzione alle parti in cui lui o lei maggiormente
    trattengono lo stress. Immaginate che il corpo del vostro partner
    letteralmente si illumini mentre lo “dipingete di luce”.
  • Non appena sentirete di aver finito il vostro massaggio con la
    luce, cullate dolcemente la testa o i piedi del vostro partner tra
    le vostre mani per almeno cinque minuti, quindi invertite i
    ruoli.

Il giorno successivo, cercate di osservare se tra di voi si
è instaurata una maggiore armonia. “In tal caso”, conclude
Liz Estrata, “potreste decidere di cambiare il vostro modo di far
l’amore in questa nuova direzione. E’ sorprendentemente facile
farlo, se il vostro approccio iniziale è abbastanza lento e
graduale, in modo da permettervi di riaddestrare il vostro sistema
nervoso e di aggirare i ‘pulsanti’ che la Natura usa per
‘riscaldarvi’ e conseguire i suoi scopi riproduttivi”.

Giampiero Cara

Articoli correlati
La rivoluzione sessuale di Reich

Pioniere della moderna sessuologia, lo psicoterapeuta Wilhelm Reich ha richiamato l’attenzione sul rapporto tra funzione sessuale e salute psicologica.

Nel mondo degli afrodisiaci

Le prime testimonianze scritte dell’uso di afrodisiaci si trovano nella scrittura a caratteri cuneiformi dei Sumeri, negli antichi papiri egizi e nelle incisioni su osso degli antichi oracoli cinesi.

Il mitico Punto… G

Funziona con gli stessi meccanismi che regolano il piacere maschile. La sua dimensione è variabile, ma normalmente non supera la grandezza di una piccola moneta.

Problemi di erezione o l’impotenza

Per indicare l’incapacità del maschio di raggiungere un’erezione sufficiente a consentire un rapporto sessuale soddisfacente viene spesso usato impropriamente il termine “impotenza”.

L’organo regolatore della potenza sessuale

Per la medicina cinese il “rene” comprende anche le ghiandole surrenali e il sistema riproduttivo,la sua azione, poi, non si limita al piano fisico ma stabilisce la connessione tra psiche e corpo e regolano l’energia sessuale accumulata nel sangue.