Risparmio energetico

Frigorifero: 5 buone idee (e 5 ovvietà) per risparmiare soldi ed energia

Dai più ovvi accorgimenti alle mosse dei designer, tutte le informazioni necessarie per ridurre i consumi di energia elettrica del frigorifero, l’elettrodomestico presente in ogni casa.

A prescindere dall’età, dalla marca e dalle dimensioni del nostro frigo, è possibile elencare alcune cose che ognuno può fare per ridurre un po’ i consumi di elettricità in casa. Sarà anche poco, ma moltiplicato per i 25 milioni di frigoriferi che restano accesi in Italia tutto l’anno, anche un minimo risparmio si può tradurre in qualche tonnellata in meno di gas inquinanti da una centrale termoelettrica. In Italia i frigoriferi consumano circa il 3,5% di tutta l’elettricità nazionale: più di quella di treni e tram insieme.

Lo spunto per quest’approfondimento è dato dall’intervento al Salerno Loves Design (appuntamento che il 21 febbraio 2014 ha radunato  esperti della comunicazione dell’architettura e del design) di Alessandro Finetto, senior director global consumer design Whirlpool: “Chi disegna oggi gli spazi interni di un frigorifero o di un congelatore – afferma Finetto – deve considerare la disposizione degli alimenti ai fini della loro conservazione ottimale e la presenza di tecnologie sensoristiche innovative che riguardano non soltanto la temperatura ma anche il grado di umidità. Il frigorifero oggi non è più il deposito del cibo, ma un gestore attivo della sue proprietà nutrizionali e sensoriali; per questo il buon designer deve recepire conoscenze scientifiche ed esigenze dei consumatori per elaborare soluzioni che migliorino la conservazione dei cibi, ne allunghino la vita, quindi diminuiscano gli sprechi”.

Frigorifero vuoto o troppo pieno: perché evitarlo

temperatura ideale carcio frigo
Per avere la temperatura ideale è bene non avere il figo né troppo pieno né troppo vuoto. ©Pexel

È consigliabile tenere il frigorifero né troppo pieno, né troppo vuoto. L’ideale è distribuire bene il cibo, uniformemente. Quando rimane vuoto si possono mettere in frigo delle bottiglie d’acqua che, avendo discreta capacità termica, consentono di mantenere bassa la temperatura interna del frigo e, indirettamente, riducono il lavoro del compressore del frigorifero e il consumo d’energia.

Quale frigorifero scegliere per risparmiare energia

I diversi tipi di frigorifero

Sul mercato troviamo modelli con diversi tipi di freddo. Quelli a “freddo statico” sono i più diffusi, al loro interno non mantengono la medesima temperatura in ogni punto ma garantiscono una buona idratazione degli alimenti. Quelli a “freddo dinamico”, al contrario, offrono una temperatura omogenea, anche se non necessariamente costante. Infine quelli a “freddo ventilato” utilizzano la tecnologia più innovatrice, che permette di ottenere una temperatura sia omogenea, sia costante. Sono considerati apparecchi “di nuova generazione”, ma hanno degli inconvenienti: sono molto più rumorosi e consumano una maggior quantità di energia.

Scegliere il frigorifero nuovo di classe A

Un frigorifero può consumare da 780 kWh (200 euro di elettricità) all’anno se di classe G, a 300 kWh (70 euro) se di classe A. Le classi A+ e A++ riducono i costi di un ulteriore 25 per cento. I più moderni frigoriferi consumano meno, lo sanno tutti, ed è meglio, al momento dell’acquisto, scegliere quelli di classe energetica dalla A in su. In Italia s’acquistano circa 1,5 milioni di nuovi frigoriferi ogni anno.

Evitare frigo a incasso

Per fortuna sta passando di moda l’idea di incassare il frigo nei mobili da cucina, a vantaggio dei più funzionali, intelligenti e spesso colorati frigoriferi stand alone. Evitare l’incasso ermetico dietro le nicchie a parete. I frigoriferi incassati si surriscaldano di più, consumano di più e durano di meno, essendo meno affidabili per via del funzionamento più usurante. Bisogna sempre distanziare un po’ il frigorifero dal muro e lasciare sempre uno spazio intorno per consentire un’agevole dispersione del calore.

Dove posizionare il frigorifero? Lontano dal forno

Le variabili da prendere in considerazione per valutare il funzionamento di un frigorifero sono molte: la collocazione del frigorifero all’interno della cucina, il fatto che sia o meno incassato, le modalità di utilizzo. È sensato distanziare il frigorifero dalle fonti di calore, posizionandolo lontano dal forno, da termosifoni, dalle finestre se gli proiettano il sole addosso.

Frigo pieno: consigli per la conservazione dei cibi

Non inserire cibi caldi in frigorifero.

Bisogna evitare di introdurre nel frigorifero cibi ancora caldi. Oltre a riscaldare l’ambiente interno del frigorigero, consumando maggiore energia elettrica per raffreddarlo, il calore causa anche la formazione della brina.

Comprare un termometro

Un’ottima idea è un acquisto che il governo francese consiglia ai consumatori affinché identifichino subito la zona più fredda in cui conservare gli alimenti facilmente deperibili. Comprare per 3-4 € o poco più un termometro da frigo. Ci si potrebbe domandare perché i frigoriferi in commercio non hanno un termometro interno (hanno sì il termostato, ma quasi nessuno ha un bell’indicatore di temperatura, che faccia chiaramente vedere se ci sono 4, 5, 6, 7 gradi). Questo consentirebbe di collocare meglio i cibi che devono restare ben refrigerati. Il Regolamento 1060/2010 della Commissione Europea specifica che per i frigoriferi domestici “la temperatura di conservazione media all’interno debba essere minore o al massimo pari a 4° C” ma come al solito in Europa son troppo pedanti. La temperatura del frigo è ok intorno ai 6 gradi (dai 5 ai 7 gradi) e quella del congelatore tra i -18 ed i -15. Temperature forzatamente inferiori causeranno un consumo maggiore di elettricità senza influire sulla conservazione degli alimenti.

Scongelare in frigo

Per scongelare gli alimenti, trasferirli dal freezer al vano frigorifero. In questo modo cedono freddo e inoltre lo scongelamento sarà più igienico.

Altri consigli per ridurre il consumo energetico del frigorifero

Togliere la brina

La brina è una paratia isolante che aumenta a dismisura il consumo di energia del frigorifero per mantenere le basse temperature. Pulire regolarmente il frigorifero dalla brina può far risparmiare molti soldi sulla bolletta. I frigoriferi no frost non hanno questo problema.

Congelare a tocchetti

Per congelare gli alimenti è bene evitare di riporli tutti insieme in blocco nel freezer. Il congelamento avviene più rapidamente quando nel vano del congelatore sono già presenti altri alimenti congelati. In ogni caso è utile confezionare gli alimenti da surgelare in piccole porzioni: ciò rende più rapido il processo di congelamento.

Aprire e chiudere rapidamente lo sportello

Se si vuole risparmiare energia elettrica è bene evitare di lasciare aperto il frigo. ©Ingimage
Se si vuole risparmiare energia elettrica è bene evitare di lasciare aperto il frigo. ©Ingimage

È bello contemplare, specialmente di notte, l’appetitosa parata di cibarie stipate nel frigo. Ma è un piacere colpevole: bisognerebbe tenere aperto lo sportello del frigorifero il tempo più breve possibile.

Pulire il frigorifero

La pulizia del frigorifero va effettuata almeno due volte l’anno. È possibile utilizzare la candeggina, che è il migliore disinfettante casalingo, oppure un detergente e un disinfettante contro i microbi, ricordandosi di applicare prima il detergente e poi del disinfettante, perché quest’ultimo è inefficace su una superficie sporca.

Articoli correlati