Dagli elettrodomestici connessi alle comunità energetiche, le innovazioni di Haier Europe contro il caro energia

Gli elettrodomestici smart sono un valido aiuto in tempi di caro energia. Haier Europe presenta le sue innovazioni per cittadini e comunità energetiche.

  • Nel corso del 2022 il prezzo dell’energia elettrica è quasi decuplicato rispetto a gennaio 2021.
  • Haier Europe risponde al caro bollette con innovazioni per efficientare i consumi domestici.
  • Gli elettrodomestici connessi offrono grandi opportunità in termini di risparmio energetico.
  • Haier Europe ha fornito i suoi dispositivi smart anche alle comunità energetiche rinnovabili.

In questo periodo, il 31 per cento degli italiani si dice “molto preoccupato” per le bollette da pagare e un altro 37,2 per cento “abbastanza preoccupato”. Percentuali molto superiori rispetto alle medie dell’Unione europea, pari rispettivamente al 20,3 e al 27,6 per cento. È quanto emerge da un sondaggio sottoposto dalla Commissione europea a oltre 25mila cittadini maggiorenni in tutti e 27 gli stati membri. D’altra parte, per quanto il governo possa tamponare la situazione, nel corso del 2022 il prezzo dell’energia elettrica è quasi decuplicato rispetto a gennaio 2021, arrivando a 543 euro al megawattora (MWh) nel mese di agosto. Per i prossimi anni è prevista una stabilizzazione, ma su tariffe più alte rispetto a quelle del recente passato. Mentre le istituzioni si sforzano di sostenere il potere d’acquisto della popolazione, anche le aziende possono fare molto per rendere le case sempre più efficienti. Si è mossa in questa direzione Haier Europe, parte del gruppo cinese Haier che è stabilmente al primo posto nel comparto degli elettrodomestici, con una quota di mercato del 15,8 per cento sulle vendite globali nel 2021.

haier
L’evento di Haier Europe a Milano © Haier Europe

Ottimizzare i consumi con gli elettrodomestici connessi

Nella giornata del 22 novembre 2022 l’azienda, nota in Italia con i marchi Haier, Candy e Hoover, ha presentato il suo pacchetto di innovazioni, servizi e accordi per l’efficientamento dei consumi in casa.

Gli italiani hanno ormai preso confidenza con l’etichetta energetica, obbligatoria e recentemente rinnovata dall’Unione europea. Già con le “vecchie” tariffe dell’energia, una lavatrice in classe A odierna tagliava i costi fino a 200 euro all’anno rispetto a una in classe D; un risparmio che oggi risulta quasi raddoppiato. Anche gli elettrodomestici connessi al Wifi offrono numerosi vantaggi in questo senso, perché offrono “alert preventivi sul momento adatto per la pulizia dei filtri o consigli per fare altre manutenzioni che, nelle lavatrici, permettono di risparmiare fino al 20 per cento di energia. Le integrazioni con i servizi metereologici, invece, avvisano in caso di pioggia per evitare il rischio di non poter stendere”, ha spiegato Gianpiero Morbello, Head of Brand & Iot Haier Europe. C’è anche la possibilità di programmarli in modo intelligente impostando la priorità di utilizzo, in modo tale da non sovraccaricare la rete elettrica.

Elettrodomestici che si avviano da soli quando l’elettricità costa meno

Il prossimo passo di Haier Europe è quello di fare in modo che l’accensione degli elettrodomestici si possa programmare in base alle fasce orarie del contratto in essere con il proprio fornitore di energia. Dapprima impostandole manualmente ma, successivamente, anche in automatico; o addirittura proponendogli il contratto più funzionale ai suoi specifici consumi.

All’estero il brand sta già sperimentando sistemi che attivano gli elettrodomestici tenendo conto delle oscillazioni delle tariffe elettriche in tempo reale. Un’altra strada possibile è quella di premiare, con sconti in bolletta, i clienti che accendono lavatrice, lavastoviglie e altri dispositivi negli orari in cui la rete non è sovraccarica. Un tema, quest’ultimo, fondamentale in un futuro in cui le fonti rinnovabili (per loro natura intermittenti) dovranno avere un ruolo da protagoniste.

smart city e consumi di energia
La gestione dei dati sui consumi di energia in tempo reale diventa dirimente per il futuro delle smart city © Haier Europe

La partnership di Haier Europe con le comunità energetiche

Proprio il fatto che le energie pulite siano intermittenti e non programmabili pone di fronte all’esigenza di agire sul lato del consumo, per fare sì che la produzione vada di pari passo con l’utilizzo. Una necessità che si fa pressante nelle comunità energetiche, recentemente introdotte anche nel nostro paese. Come suggerisce il nome, sono gruppi di cittadini, piccole e medie imprese ed enti locali che scelgono di autoprodurre la propria energia, attraverso pannelli fotovoltaici o altri impianti rinnovabili, e di consumarla in comunità godendo di tariffe agevolate.

Un sistema virtuoso che però può funzionare solo se è dotato di tecnologie in grado di tracciare i dati sui consumi e gestirli al meglio. Haier Europe si sta muovendo anche su questo fronte. Insieme alla startup svizzera Hive Power, installerà i suoi dispositivi all’interno di alcune comunità energetiche e li metterà a disposizione del progetto europeo Horizon, volto a diffondere questo modello in modo sempre più capillare.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati