Cos’è e a cosa serve il G7 che quest’anno si tiene a Taormina

Il G7 è una riunione alla quale partecipano i governi delle sette principali potenze mondiali. Nacque nel 1975 su iniziativa della Francia.

Il G7 è il summit del sette paesi più industrializzati del mondo. Nacque nel novembre del 1975 su iniziativa dell’allora presidente francese Valery Giscard-d’Estaing, anche se in quell’occasione ad incontrarsi furono solamente sei grandi potenze: Stati Uniti, Giappone, Germania, Francia, Gran Bretagna e Italia. Alle riunioni successive fu presente anche il Canada.

A partire dal 1976 la riunione diventa annuale e la composizione delle nazioni presenti non viene modificata fino al 1997, quando si aggiunge la Russia: il G7 diventa quindi G8 e viene anche allargato al presidente della Commissione europea.

Il G7 in alcuni casi è diventato G8 e G20

Nel corso di tali riunioni, i leader mondiali discutono dei temi di maggiore interesse per i loro paesi, dunque principalmente di economia. L’idea è di far ritrovare i decisori politici in modo sistematico, al fine di poter avanzare più agevolmente nelle discussioni. Tuttavia, in molti hanno criticato i G7 ritenendoli organismi non sufficientemente democratici, che porterebbero di fatto alla creazione di un “direttorio” del mondo. Celebri, in questo senso sono le contestazioni popolari che il movimento alter-mondialista ha organizzato in occasione di numerosi summit, in particolare il G8 tenuto a Genova nel 2001, che fu teatro di gravi scontri tra manifestanti e forze dell’ordine, nonché di violenze da parte di queste ultime.
Esiste anche il G20, che è invece il G8 allargato ai paesi emergenti. Va sottolineato, infine, che di recente si è tornati al G7 perché la Russia è stata esclusa dalle riunioni dopo l’intervento armato in Ucraina nel 2014. Una riunione del gruppo si tiene a Taormina, in Sicilia, il 26 e il 27 maggio.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati
La strage dei bambini a Gaza nella foto vincitrice del World press photo 2024

Si chiamava Saly, aveva cinque anni. Nello scatto vincitore del World press photo 2024, il concorso di fotogiornalismo più importante al mondo, non si vede un centimetro del suo corpo senza vita. E non si vede nemmeno il volto della zia, Ines Abu Maamar, che lo stringe forte a sé. Mohammad Salem, fotografo dell’agenzia Reuters,