AVSI

Giornata mondiale dell’educazione: a scuola in Sud Sudan

Aumento delle iscrizioni scolastiche e sensibilizzazione sull’importanza dell’educazione. Il progetto AVSI ha ridato speranza agli studenti sud sudanesi.

“To invest in people, prioritize education”: è questo il tema della quinta Giornata mondiale dell’educazione che si celebra il 24 gennaio, istituita dalle Nazioni Unite per riflettere sull’importanza dell’educazione come diritto per tutti e bene pubblico, anche nei Paesi più poveri, come il Sud Sudan. Lo sa bene Living Sunday, 22 anni, studentessa sud sudanese che ha dovuto rinunciare agli studi quando è nato suo figlio. “Durante la pandemia Covid, le scuole hanno chiuso. In quel periodo ho conosciuto un ragazzo e sono rimasta incinta. Mio padre mi ha cacciato di casa così sono andata a vivere con il padre di mio figlio, in un villaggio lontano da qui. Sono stati mesi di inferno, la famiglia di mio marito non mi ha mai accettato e lui non mi ha mai aiutato”.

educazione per Living Sunday
Living Sunday, studentessa e madre di 22 anni ©  Davide Arcuri

Living Sunday non si è sposata ufficialmente, ma per lei e per la comunità il padre di suo figlio è suo marito. Sapeva che anche a casa sua avrebbe dovuto cavarsela da sola, ma, disperata, ha bussato nuovamente alla porta della sua famiglia e non ha più rivisto il ragazzo. “Mia madre ha convinto mio padre a farmi restare. Ma a una condizione, ricordo ancora le sue parole ‘scordati la scuola, sarai tu a doverti occupare di tuo figlio. Penserai tu a lavare i vostri vestiti, ad accudirlo e a guadagnarti da mangiare per te e per lui’.” Nel frattempo le scuole hanno riaperto e Living Sunday era determinata a riprendere gli studi. “Ho sentito parlare di un progetto che aiutava gli studenti in difficoltà in una scuola a cinque chilometri da casa mia. Sono andata a informarmi e ho scoperto che l’ong AVSI avrebbe sostenuto l’educazione di ragazze madri che non potevano studiare. Era la mia occasione, sono stata la prima a iscrivermi e ho convinto mia madre a prendersi cura di mio figlio durante le lezioni, promettendo di lavorare nei campi tutti i fine settimana, con mio figlio legato sulla schiena”.

educazione in Africa
Il progetto di AVSI ha permesso a molti studenti di tornare a scuola © Davide Arcuri

Living Sunday è tornata a scuola grazie a un progetto della ong AVSI in partnership con Spedp (Support for peace education and development program), proposto da Save the children e finanziato da Education cannot wait, il fondo globale delle Nazioni Unite per l’educazione in contesti di emergenza e crisi protratte. “Per andare a scuola mi sveglio ogni giorno alle quattro e cammino per un’ora, ma ne vale la pena, soprattutto ora che abbiamo una struttura nuova e accogliente, libri, penne e anche la luce. A noi ragazze vengono anche forniti assorbenti e sapone: prima quando avevo le mestruazioni dovevo saltare le lezioni”. In Sud Sudan andare a scuola con continuità è difficile per tutti: le strutture sono fatiscenti, le classi sovrappopolate e continui conflitti obbligano gli studenti a scappare, le scuole a chiudere. “Incontrare AVSI è stata una grande occasione per me e per tanti altri ragazzi e ragazze – dice Living Sunday – perché se studi hai un valore: sei considerato dalla comunità, puoi trovare un lavoro. Presto mi diplomerò, il mio sogno sarebbe proseguire gli studi, andare all’università e studiare logistica. Questo mi permetterebbe di trovare un buon lavoro”. La prima cosa che farebbe Living Sunday con il suo primo stipendio? “Trovare una buona scuola per mio little boy” – dice mentre abbraccia suo figlio, esausta dalla giornata di studio e lavoro domestico.

 

 

Con AVSI educazione di qualità per i bambini sud sudanesi

Il progetto Myrp (South Sudan multi-year resilience program) è stato realizzato da AVSI da maggio 2020 a dicembre 2022 nello stato dell’Equatoria Orientale per garantire a bambini e bambine la possibilità di andare a scuola. Oltre a fornire materiali, riabilitare strutture scolastiche e formare gli insegnati, AVSI ha contribuito al superamento degli ostacoli che spesso portano all’abbandono scolastico – norme sociali discriminatorie, condizioni di genere, insicurezza alimentare – e si è presa cura del benessere psicofisico dei ragazzi.

Più 54 per cento di iscrizioni scolastiche in un anno, aumentano le bambine a scuola

Solo nel 2022 il programma ha permesso a 10.747 bambini di iscriversi a scuola (5928 bambini, 4819 bambine), con un incremento del numero di alunni con disabilità rispetto al 2021. Nonostante le precarie condizioni di sicurezza e le continue tensioni intra-comunitarie che affliggono il Sud Sudan (documentate da una recente pubblicazione di AVSI), le iscrizioni scolastiche sono aumentate del 54 per cento, grazie alla costruzione e al rinnovamento di scuole e di “Temporany learning spaces”. L’attenzione ai bisogni di genere ha aumentato la presenza femminile nelle scuole: le ragazze hanno ricevuto kit igienici, sono state coinvolte in incontri sul ciclo mestruale e hanno ricevuto un sostegno psicologico, soprattutto le giovani madri come Living Sunday.

scuola in Sud Sudan
Nel 2022 le iscrizioni scolastiche sono aumentate del 54 per cento © Davide Arcuri

AVSI in Sud Sudan

AVSI è impegnata da anni nel settore educativo in Sud Sudan: nel 2022 ha aiutato più di undicimila studenti e 118 scuole non solo con interventi materiali ed economici ma anche di sensibilizzazione sull’importanza dell’educazione, che per AVSI è il motore di sviluppo dell’intera comunità. Nel Paese dal 2005, AVSI in Sud Sudan cura anche progetti di Sicurezza alimentare, Nutrizione, Acqua e igiene (Wash), Peacebuilding e Protezione aiutando circa 650mila persone.

La Giornata internazionale dell’educazione. “Investire nelle persone, dare priorità all’istruzione”

Per la Giornata internazionale dell’educazione 2023 il tema proposto è un invito a mantenere una forte mobilitazione politica sull’istruzione e a tradurre gli impegni globali in azioni. Sullo sfondo di una recessione mondiale, crescenti disuguaglianze e crisi climatica, l’istruzione deve avere la priorità per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile.

 

a cura di Elena Franchini, Program Coordinator di AVSI in Sud Sudan

Foto e video di Davide Arcuri

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Nell’Iran di Raisi i giovani sono più esclusi che mai

Mentre la vittoria di un presidente conservatore in Iran era prevista, la società non crede più che il proprio voto possa fare la differenza. Ne abbiamo parlato con la giornalista Cecilia Sala e alcuni studenti iraniani.