Fridays for future

La lotta di Greta Thunberg per il clima continua. La studentessa svedese racconta la sua idea di sostenibilità

Dopo lo “sciopero” per il clima, la studentessa svedese Greta Thunberg è stata persino chiamata da Arnold Schwarzenegger. Ora la giovane continua i sit-in di protesta e spiega a LifeGate come diventare più sostenibili per il pianeta.


L’iniziativa di Greta Thunberg, la studentessa svedese che questa estate ha scelto di non andare a scuola come forma di protesta contro lo stallo politico internazionale nella lotta ai cambiamenti climatici, ha avuto una eco imprevista grazie anche al supporto di altri studenti e l’attenzione da parte della stampa.

greta thunberg scedese sciopero scuola clima
Una delle foto pubblicate su Twitter dalla studentessa svedese durante il suo sciopero della scuola per il clima. © Greta Thunberg

Perfino l’attore ed ex governatore della California Arnold Schwarzenegger è rimasto colpito dalla giovane svedese, scrivendo su Twitter che lei è stata fonte di ispirazione, invitandola a Vienna, in Austria, dove si è tenuto l’Austrian world summit.

La sua iniziativa per spingere la Svezia e altri stati a occuparsi seriamente dei cambiamenti climatici non si è conclusa con le elezioni per il rinnovo del Riksdag, il Parlamento svedese, avvenute il 9 settembre.

Dopo un evento finale con una marcia per il clima per le strade di Stoccolma e un concerto a cui hanno partecipato vari artisti, Thunberg ha deciso di tornare a scuola ma continuando a fare dei sit-in ogni venerdì nei pressi del Parlamento di Stoccolma, finché non verranno realizzati provvedimenti in linea con l’Accordo di Parigi.

Leggi anche: Cop 24, cosa resta dell’Accordo di Parigi dopo i lavori di preparazione a Bangkok

Cosa pensa Greta Thunberg degli impegni dei politici in Svezia

Nel corso dell’intervista ha voluto precisare come la Svezia, elevata a modello di sostenibilità, in realtà lo è meno di quanto possa sembrare per via di una delle dieci impronte ecologiche pro-capite più alte al mondo. “Ma noi abbiamo una buona reputazione. Molto è dovuto al fatto che le nostre emissioni sono prodotte all’estero, con l’importazione di beni, per esempio”.

Greta ha avuto occasione di parlare con alcuni esponenti politici svedesi durante la sua azione di protesta. Per lei il problema è principalmente la paura di perdere popolarità e consenso nell’approvare provvedimenti che tutelino l’ambiente e il clima. Alcuni politici, spiega Greta, “pur essendo bravi non fanno abbastanza rispetto a quanto necessario, ma resterò in giro finché non cambieranno idea”.

Leggi anche: Greta Thunberg, la studentessa svedese che sciopera in nome del clima

 

Quando le abbiamo chiesto tre cose che dovrebbe fare la Svezia, la giovane non ha avuto dubbi: dovrebbe focalizzarsi sulla riduzione delle emissioni di CO2 e sulla salvaguardia degli ecosistemi e, ha aggiunto, che ogni Paese dovrebbe provare a diventare un esempio. Successivamente Greta ha puntualizzato: “Votare e influenzare i politici però non basta. Noi dobbiamo iniziare a cambiare ciò che possiamo da oggi per poter cambiare il sistema un domani. Cominciamo con noi stessi”.

 

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Bild från Rom idag!! #klimatstrejk #climatestrike Un post condiviso da Greta Thunberg (@gretathunberg) in data:

Chiedendole cosa pensa dei ragazzi della sua età, la risposta è stata che prima di iniziare lo “sciopero” dalle lezioni non aveva mai incontrato giovani che fossero interessati al clima o all’ambiente. “Facciamo come fanno gli adulti. E poiché quasi nessun adulto è consapevole della crisi in termini di sostenibilità ambientale, ovviamente non lo sono nemmeno i giovani”.

I consigli per salvare il clima

Con la sua energia Greta Thunberg è riuscita però a cambiare i comportamenti della sua famiglia, portandoli verso una maggiore sostenibilità ambientale. Loro ora sono vegetariani e hanno deciso di non prendere più l’aereo. I genitori hanno acquistato una automobile elettrica e dei pannelli solari.

Greta Thunberg, infine, ha qualche consiglio per essere più sostenibili: “Smettere di prendere l’aereo. Diventare vegani. Smettere di guidare un’automobile con il motore a scoppio. E provare a comunicare i problemi ecologici agli altri”.

Articoli correlati