Conferenze sul clima

Greta Thunberg ha trovato come andare alla Cop 25 in Cile in modo sostenibile

Greta Thunberg ha accettato l’invito dell’equipaggio della barca a vela Malizia II, così l’attivista svedese potrà raggiungere la Cop 25 in Cile in modo sostenibile.

Aveva promesso che avrebbe viaggiato fuori dall’Europa solo se ci fossero stati mezzi di trasporto a basso impatto ambientale e così sarà: l’attivista ambientale Greta Thunberg parteciperà ad alcuni eventi negli Stati Uniti tra cui il Climate action summit a New York e la più importante delle conferenze sul clima, la Cop 25 a Santiago del Cile rispettivamente a settembre e dicembre. “Mi è stato offerto un viaggio sull’imbarcazione a vela da gara Malizia II. Attraverseremo l’Oceano Atlantico dal Regno Unito a New York a metà agosto”, la giovane svedese ha scritto sui suoi profili social, dove ormai è molto seguita.

Leggi l’editoriale: Buon vento, Greta


Visualizza questo post su Instagram

‪Good news!‬ ‪I’ll be joining the UN Climate Action Summit in New York, COP25 in Santiago and other events along the way.‬ ‪I’ve been offered a ride on the 60ft racing boat Malizia II. We’ll be sailing across the Atlantic Ocean from the UK to New York in mid August.‬ The science is clear. We must start bending the emissions curve steeply downwards no later than 2020, if we still are to have a chance of staying below a 1,5 degrees of global temperature rise. We still have a window of time when things are in our own hands. But that window is closing fast. That is why I have decided to make this trip now. During the past year, millions of young people have raised their voice to make world leaders wake up to the climate and ecological crisis. Over the next months, the events in New York and Santiago de Chile will show if they have listened. Together with many other young people across the Americas and the world, I will be there, even if the journey will be long and challenging. We will make our voices heard. It is our future on the line, and we must at least have a say in it. The science is clear and all we children are doing is communicating and acting on that united science. And our demand is for the world to unite behind the science. ‪#UniteBehindTheScience‬

Un post condiviso da Greta Thunberg (@gretathunberg) in data:

La barca Malizia II appartiene alla Fondazione del Principe Alberto II di Monaco e, oltre a gareggiare, è protagonista di iniziative di stampo ambientale.

Leggi anche: Alberto II di Monaco al Festival per la Terra. Il principato azzererà le sue emissioni entro il 2050

Greta Thunberg, perché attraverserà l’oceano in barca a vela

Thunberg aveva inizialmente deciso di non partecipare a eventi che non fossero raggiungibili con mezzi di trasporto sostenibili come il treno, rifiutando anche un invito dell’ex governatore della California Arnold Schwarzenegger, ma dopo aver deciso di prendersi un anno sabbatico da scuola, ha annunciato di aver cambiato idea, e di volere partecipare anche a eventi oltreoceano. L’importante è che il viaggio venga fatto su mezzi di trasporto a basse emissioni, quindi rispettando i principi della mobilità sostenibile, come appunto la barca a vela.

Leggi anche: Cop 24, il discorso di Greta Thunberg per il clima che tutti dovremmo ascoltare

Dobbiamo far scendere drasticamente la curva delle emissioni entro il 2020 se vogliamo avere la possibilità di contenere l’aumento della temperatura globale a 1,5 gradi. Abbiamo ancora una finestra di tempo, per ora la situazione è nelle nostre mani. Ma quella finestra si sta chiudendo velocemente. Per questo motivo ho deciso di fare questo viaggio ora”, ha spiegato l’attivista su Facebook, affermando come durante lo scorso anno milioni di ragazze e ragazzi hanno fatto sentire la loro voce per dare una svegliata ai leader del mondo per quanto riguarda la crisi ecologica e climatica. “Nei prossimi mesi gli eventi di New York e Santiago del Cile dimostreranno se ci hanno ascoltato. Insieme a molti giovani nelle Americhe e nel mondo io sarò lì, anche se il viaggio sarà lungo e arduo. Noi faremo sentire le nostre voci”, ha affermato l’ispiratrice del movimento Fridays for future.

Articoli correlati