Il coltan, maledetto minerale del futuro

Un minerale ricercato nell’industria elettrica e aeronautica finanzia indirettamente una guerra civile e un disastro ambientale.

Ricercatissimo per le applicazione dell’industria elettronica e
aeronautica, il coltan è un minerale formato da ossido di
tantalio e da ossido di niobio associati.

Il tantalio viene utilizzato per le sue proprietà
dielettriche: aumenta la capacità dei condensatori, nei
circuiti elettrici più sofisticati, come quelli dei
telefonini: migliora le prestazioni delle batterie. Viene anche
utilizzato nelle leghe ad alta resistenza per fabbricare motori e
pezzi particolari nell’industria aeronautica.

Il coltan viene estratto nel Congo, nelle zone della Repubblica
democratica controllate dai ribelli. Essi, permettendone
l’estrazione, ricevono un introito destinato a finanziare
l’acquisto di armi per poter continuare a combattere.
Il Congo infatti dal 1998 è territorio di una guerra
civile.

Da una parte il governo di Kinshasa sostenuto dai soldati di
Zimbawe, Angola e Namibia, dall’altra i ribelli sostenuti da
Uganda, Ruanda e Burundi. Il Congo quindi è in preda a una
straziante guerra che ne dilania le forze e le risorse, mentre
potentati economici stranieri lavorano per proseguire lo
sfruttamento intensivo delle risorse naturali del territorio.

Dove vada poi a finire il coltan estratto, non è ancora
chiarissimo. Le ipotesi plausibili rimandano alla Germania, al
Sudafrica e al Kazakhstan.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
La strage dei bambini a Gaza nella foto vincitrice del World press photo 2024

Si chiamava Saly, aveva cinque anni. Nello scatto vincitore del World press photo 2024, il concorso di fotogiornalismo più importante al mondo, non si vede un centimetro del suo corpo senza vita. E non si vede nemmeno il volto della zia, Ines Abu Maamar, che lo stringe forte a sé. Mohammad Salem, fotografo dell’agenzia Reuters,