Brucia la Groenlandia, fiamme a 150 chilometri dal polo Nord

Gli incendi colpiscono anche la Groelandia che brucia a 50 chilometri dai ghiacciai. Le foto del satellite della Nasa.

L’estate degli incendi non risparmia nemmeno la Groenlandia che da fine luglio sta affrontando fuoco e fiamme a 150 chilometri a nordest di Sisimiut, la seconda città della Groenlandia e a solo 50 chilometri dal fronte di un ghiacciaio, a quanto testimoniano le immagini riprese da un piccolo aereo il 31 luglio e poi dal satellite Aqua della Nasa.

Si stima che circa 485 ettari di tundra siano andati in fiamme, un’estensione non particolarmente elevata se si considera la dimensione media degli incendi americani, ma enorme per questa terra, tanto che gli scienziati non sanno prevedere le conseguenze.

La Groenlandia non è nuova agli incendi, ma quest’anno le dimensioni e il numero dei roghi sono maggiori. Stef Lhermitte, docente della Delft University of Technology dei Paesi Bassi, sostiene che l’attività dei roghi rilevata nel 2017 è superiore rispetto a quella degli ultimi 17 anni, da quando è operativo il satellite Terra della Nasa equipaggiato con lo spettroradiometro Modis. Si tratta di un evento insolito e secondo fonti locali l’ultimo grande incendio risale al 1966, ma di cui non si hanno dati certi.

incendi groenlandia
Immagini del satellite Aqua della Nasa riprendono gli incendi in Groenlandia a 150 km dal circolo polare Artico @NASA Earth Observatory foto di Jeff Schmaltz LANCE/EOSDIS MODIS Rapid Response Team, GSFC.

Aumentano gli incendi in Groenlandia

Secondo uno studio del 2013, il tasso di incendi della Groenlandia sta aumentando a un ritmo mai registrato negli ultimi 10mila anni. Gli esperti ritengono che l’innalzamento delle temperature, combinato con lo scioglimento dei ghiacciai che scoprono la tundra, aumentano le probabilità di incendi che in questo caso potrebbero essere stati causati da fulmini.

Estati più lunghe a causa dei cambiamenti climatici

“In Groenlandia tutto si sta riscaldando: l’aria, la superficie dell’oceano e anche le acque profonde e non sappiamo quali di questi fenomeni abbia i maggiori effetti sui ghiacciai”, ha detto Ian Joughin, un glaciologo dell’Università di Washington.

Quello che gli scienziati sanno è che il riscaldamento artico provoca lo scioglimento estivo dei ghiacci che oggi rappresenta la causa principale dell’innalzamento del livello dei mari. La stagione estiva in Groenlandia dura 70 giorni in più rispetto agli inizi degli anni Settanta. Ogni estate le temperature più calde dell’aria causano la fusione di circa la metà della superficie del permafrost, anche se nel 2012 è stato registrato lo scioglimento di addirittura il 97 per cento dello strato superiore dei ghiacciai. Lo scioglimento dei ghiacciai lascia terreno alla tundra rendendo la Groenlandia più soggetta a incendi.

powered by Behind Energy

Articoli correlati