India, vietato il divorzio lampo

La pratica del triplo talaq, che permette ai musulmani di divorziare dalle proprie mogli ripetendo tre volte la parola “talaq”, è ora illegale in India.

Sembra assurdo eppure in India, fino al 30 luglio, i mariti potevano divorziare dalle proprie mogli semplicemente ripetendo tre volte la parola talaq, la quale significa proprio “divorzio”. Bastava inviare una mail, una lettera, persino un messaggio su Whatsapp o su Skype. Questa pratica musulmana, conosciuta come triplo talaq o divorzio lampo, è stata dichiarata illegale dal Parlamento indiano che ha approvato con 99 voti a favore ed 84 contrari una proposta di legge risalente al 2017, anno in cui la Corte suprema aveva dichiarato l’usanza incostituzionale. Ora chi continuerà ad avvalersene potrà essere punito con la reclusione in carcere fino a tre anni.

triplo talaq India divorzio lampo
La pratica del triplo talaq, già vietata in molti paesi islamici, è ora stata dichiarata illegale anche in India © Getty Images

L’orgoglio del primo ministro Narendra Modi

“Finalmente una consuetudine arcaica e medievale è stata confinata nel cestino della spazzatura della storia”, ha twittato il primo ministro indiano, Narendra Modi. “È una vittoria per la giustizia di genere e promuoverà ulteriormente l’uguaglianza nella società”. A favore dell’approvazione della proposta di legge era il Partito del popolo indiano, attualmente al governo, mentre non lo era il Congresso nazionale indiano, principale rappresentante dell’opposizione. Secondo alcuni membri, la nuova legge sarebbe discriminatoria nei confronti dei musulmani.

Nel Corano non c’è alcun riferimento al triplo talaq

Tuttavia, il triplo talaq è vietato in molti paesi islamici, compresi l’Egitto, il Pakistan e il Bangladesh. Non è menzionato nel Corano, il testo sacro dell’Islam dove, al contrario, si sostiene che il divorzio debba essere finalizzato nel giro di tre mesi così da garantire alla coppia del tempo per pensare ed eventualmente riconciliarsi.

Leggi anche: India, i rapporti sessuali con le spose bambine diventano reato di stupro

La vittoria delle donne

Era da qualche decennio che le musulmane dell’India si battevano per impedire i divorzi lampo, spiegando di vivere perennemente nella paura di essere costrette a lasciare la propria casa in una manciata di secondi. “Quando è successo a me, sono rimasta scioccata. È orribile venire abbandonati senza preavviso”, ha raccontato la giovane Afreen Rehman alla Bbc. “Non sapevo cosa fare. Ma sapevo che avrei dovuto convivere con quella croce fino alla morte, perché in India la donna è sempre considerata responsabile della fine di un matrimonio”. Ora, finalmente, l’incantesimo è spezzato e nessuna, inquietante maledizione incomberà più sulle vite delle spose.

Articoli correlati