L’Italia dallo spazio: un paese di spreconi

Guardare il mondo dall’alto

Stare su una navicella spaziale ed indovinare dov’è la
propria città, sognare di andare qui o lì, lontano.
Indovinare le forme dei paesi, stupirsi della loro grandezza:
sembra tutto così bello. Ma lo è davvero? Paolo
Nespoli, l’astronauta italiano che è stato più tempo
nello spazio, raccontando la sua esperienza in una recente intervista con Antonio Ferrari di
CorriereTv
, sottolinea che vedere il mondo dall’alto
è bello, emozionante, ma riserva delle sorprese non sempre
piacevoli.

Durante le sue missioni infatti ha potuto osservare che
dall’alto l’Italia di notte appare illuminata a giorno: “Abbiamo
mandato tante foto attraverso Twitter e i social media che ci hanno
permesso di rendere partecipe tutta la gente. Se uno fosse un
extraterrestre e guardasse l’Europa da lassù probabilmente
penserebbe che l’Italia è il paese che ha più risorse
energetiche, che è più industrializzato, è piu
potente, mentre la Germania, la Svizzera e l’Austria appaiono
buie”.

Questa situazione di spreco ci dovrebbe fare riflettere: l’energia
dovrebbe servire per illuminare la terra, non il cielo. Pensiamo
davvero di essere il paese più industrializzato d’Europa,
dotato di risorse infinite? Non è così. Il racconto
di Nespoli dovrebbe indurci a ripensare i nostri stili di vita,
rivedere i nostri atteggiamenti quotidiani e sensibilizzare quelli
delle nostre amministrazioni per un uso più corretto
dell’energia e delle risorse. Conviene a tutti: per vivere meglio,
in un pianeta più bello (anche dall’alto).

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
La strage dei bambini a Gaza nella foto vincitrice del World press photo 2024

Si chiamava Saly, aveva cinque anni. Nello scatto vincitore del World press photo 2024, il concorso di fotogiornalismo più importante al mondo, non si vede un centimetro del suo corpo senza vita. E non si vede nemmeno il volto della zia, Ines Abu Maamar, che lo stringe forte a sé. Mohammad Salem, fotografo dell’agenzia Reuters,