La maratona di New York è stata cancellata a causa del coronavirus

Il pericolo posto dalla pandemia di coronavirus ha portato gli organizzatori della maratona di New York a cancellarla.

La maratona di New York, che questo novembre avrebbe celebrato la sua 50esima edizione, è stata cancellata a causa del coronavirus. Si tratta dell’evento più prestigioso e redditizio del settore, ma la decisione di rimandarlo è stata inevitabile: non si poteva rischiare un ulteriore aumento del numero contagi, in un paese che sta registrando alcuni dei numeri più gravi dall’inizio dell’emergenza sanitaria.

New York road runners (Nyrr), l’organizzazione che si occupa della preparazione dell’evento lo ha deciso di comune accordo con le autorità cittadine. Gli esperti ritengono che eventi come questo, che riuniscono grandi folle di partecipanti da tutto il mondo, sono troppo pericolosi e potrebbero rimanerlo fino a quando non si troverà un vaccino contro la Covid-19, la malattia provocata dal nuovo coronavirus Sars-Cov-2. Michael Capiraso, amministratore delegato di Nyrr ha dichiarato: “Ci abbiamo sperato fino all’ultimo, ma c’era troppa incertezza. Visto la situazione degli ultimi mesi, non potevamo fare altro che annullare la maratona”.

Gli esperti della Casa Bianca hanno messo in guardia contro un’ulteriore ondata di contagi prevista per questo autunno, proprio in concomitanza dell’evento. E anche se nell’area metropolitana di New York il tasso di contagio è tra i più bassi della nazione, il virus si sta diffondendo con una rapidità preoccupante nel resto del paese, specialmente in aree dove non sono state messe in atto le corrette misure di prevenzione, come il divieto di assembramento e l’obbligo di indossare una mascherina.

 

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
La Colombia vieta la corrida dal 2027

Il parlamento della Colombia ha deciso di vietare la corrida a partire dal 2027. La decisione arriva grazie a un largo consenso tra l’opinione pubblica.

La strage dei bambini a Gaza nella foto vincitrice del World press photo 2024

Si chiamava Saly, aveva cinque anni. Nello scatto vincitore del World press photo 2024, il concorso di fotogiornalismo più importante al mondo, non si vede un centimetro del suo corpo senza vita. E non si vede nemmeno il volto della zia, Ines Abu Maamar, che lo stringe forte a sé. Mohammad Salem, fotografo dell’agenzia Reuters,