La natura è preziosa, più di quanto immaginiamo

Uno studio ha provato a calcolare il valore economico di animali, piante e servizi ecosistemici, con risultati sorprendenti.

Il plancton, insieme di svariate specie di protozoi, archeozoi, alghe, batteri e organismi eucariotici, vale 222 miliardi di dollari, più del fatturato annuo di Apple, Microsoft o Nestlé.

 

vita marina
Le barriere coralline, tra gli altri servizi, forniscono protezione dalle tempeste e supportano il settore del turismo © NOAA

 

Partiamo dal presupposto che i cartellini con il prezzo vanno bene per gli oggetti e non si addicono ad animali, piante e montagne, e che la natura non va valutata in base a meri interessi economici. Detto questo, in un mondo spesso focalizzato sul profitto, può essere utile ricordare che la natura ha un valore, più elevato di quanto potremmo pensare, e che rischiamo di perdere per sempre.

 

Per questo Bbc Earth, network votato alla divulgazione scientifica, ha realizzato l’Earth Index, indice del valore della natura che quota il contributo materiale del patrimonio naturale, poi pubblicato sulle pagine finanziarie dei principali quotidiani come Times, Wall Street Journal, Singapore Business Times e Economic Times in India.

 

L’indice è stato calcolato in collaborazione con lo specialista ambientale Tony Juniper, commissionando uno studio esplorativo al Centro mondiale di monitoraggio della conservazione del Programma ambientale delle Nazioni Unite (Unep-Wcmc).

 

api
Il lavoro delle api e degli altri impollinatori vale circa 106 miliardi di dollari all’anno

 

“Abbiamo esaminato dati che permettessero un raffronto con le quotazioni delle società e ci siamo concentrati sul valore economico prodotto – ha spiegato Juniper. – I dati hanno mostrato in maniera inequivocabile il contributo della natura per la nostra salute, ricchezza e sicurezza”.

 

Solo l’acqua dolce, ad esempio, vale come l’intera economia globale, il valore totale dei servizi idrici forniti dalla natura, secondo l’Earth Index, è infatti equivalente al Pil globale e vale circa 73mila miliardi di dollari.

 

cascata
L’acqua dolce, secondo l’Earth Index, vale come l’intera economia globale

 

Il valore degli alberi è di oltre 16mila miliardi di dollari, le foreste svolgono un ruolo fondamentale per gli esseri umani, circa 1,6 miliardi di persone, infatti, dipende da esse per la sussistenza. Gli alberi sono inoltre i nostri principali alleati nella riduzione della CO2.

 

Il lavoro delle api e degli altri impollinatori, fondamentale per il mondo agricolo e non solo, vale circa 106 miliardi di dollari, una singola colonia di api ha un valore annuo di 141 dollari. E un castoro? Ogni esemplare di questo simpatico roditore che potremmo pensare non possa influire sulle nostre vite, produce annualmente servizi pari a 120mila dollari, per il suo contributo alla riduzione del rischio di alluvioni e al miglioramento della conservazione dell’acqua.

 

L’obiettivo dello studio è di evidenziare i vantaggi pratici ed economici che derivano dalle risorse naturali, affinché possiamo capire meglio il reale impatto dei cambiamenti a lungo termine nel capitale naturale.

 

epa01963348 Demonstrators take part in the protest against climate change in the center of Copenhagen, Denmark, 12 December 2009. Thousands of people demonstrated in the Danish capital on 12 December for action by the UN climate conference to halt global warming. The procession wound its way from the Folketing, the parliament, to the conference site, the massive Bella Center outside the city centre. Up to 100,000 people took part in the largely peaceful protest, organizers said, though police estimated the number at closer to 10,000 when the march got under way. Smaller solidarity demonstrations were held in Greece, Spain, Germany and other countries. EPA/ANDERS DEBEL HANSEN DENMARK OUT
Manfestazione per protestare contro i cambiamenti climatici, Copenhagen, nel 2009 © Anders Debel Hansen/EPA

 

Se l’ambiente fosse una società quotata in borsa gli azionisti (noi) avrebbero tutto il diritto di lamentarsi considerata la dissennata gestione delle risorse naturali.

Articoli correlati