Orto

Stevia. Che cos’è e come si coltiva

Che abbiate un giardino o un balcone, non potete farvi mancare questo delizioso dolcificante naturale a zero calorie. Ecco come coltivarlo.

Cos’è la stevia

Ormai la trovate in tutti i vivai, accanto a essenze come rosmarino, salvia, origano, lavanda. È la stevia (Stevia rebaudiana), piccola pianta erbacea originaria del Sudamerica, dalle dolcissime foglie pronte per essere utilizzate come sostitute dello zucchero e dei dolcificanti di sintesi.

Si possono infatti utilizzare le singole foglie fresche della pianta, da mettere in infusione in tisane o tè, o essicarle al sole per poi tritarle e avere un dolcificante naturale a zero calorie. La stevia è indicata per le diete ipocaloriche ed è consigliatissima anche ai diabetici, perché il principio attivo, come spiega il diabetologo Giovanni Ghirlanda del Policlinico Gemelli di Roma durante una puntata di Geo&Geo “pur essendo molto dolce non viene metabolizzata all’interno dell’organismo e non genera calorie”.

Stevia pianta dolcificante
La stevia è una piccola pianta erbacea originaria del Sudamerica, dalle dolci foglie pronte per essere utilizzate come sostitute dello zucchero e dei dolcificanti di sintesi © ingimage

Come si coltiva la stevia

Coltivare la stevia in vaso è molto semplice, anche perché si tratta di una pianta “pioniera”, ovvero di una specie in grado di colonizzare ambienti inadatti alla proliferazione delle specie vegetali. Si adatta quindi alle situazioni più difficili.

Perché la stevia possa crescere rigogliosa e in salute necessita di un luogo luminoso, anche con luce diretta e di innaffiature costanti ma senza ristagni d’acqua. Il terreno deve essere leggero, con una buona componente sabbiosa, ben areato. Essendo una pianta annuale, alle nostre altitudini la pianta muore, ma si comporta un po’ come la menta: se mantenete caldo il terreno, grazie a uno strato di pacciamatura o se possibile, con la neve, al primo lievitare delle temperature, la stevia ripartirà con vigore. Facilissima inoltre la propagazione per talea: basterà tagliare un ramoscello e piantarlo nel terreno che presto radicherà.  Una volta cresciuta e in forze, questa specie vegetale utilizzata da centinaia di anni in Brasile e Paraguay, diventerà un inseparabile ingrediente della vostra dieta.

Articoli correlati
Come conoscere e proteggere il suolo

Qualche consiglio pratico per conoscere, preparare e prendersi cura del suolo prima della semina adatto a chi coltiva le proprie piante sia in balcone che su un appezzamento di terreno.