Beyond Zero

L’ibrido verso il futuro, record dopo record

Anno nuovo, auto nuova e, soprattutto, auto ibrida. Le vendite di gennaio 2016 segnano un nuovo record per l’ibrido in Italia (2,1 per cento). E il merito è anche del nuovo RAV4 Hybrid di Toyota.

Il 2016 è iniziato subito con una bella notizia a proposito di auto e ambiente. A gennaio, infatti, le vendite di vetture ibride in Italia hanno segnato un nuovo significativo record, ovvero 2,1 per cento, mentre la media della motorizzazione ibrida nel 2015 nel nostro Paese è stata pari a 1,6 per cento. Emissioni ridotte nell’aria e salvaguardia dell’ambiente, risparmio sul carburante grazie alla componente elettrica del motore, confort di guida (meno rumore e vibrazioni), accesso privilegiato nelle Ztl e parcheggi a tariffa agevolata in molte città dello stivale sono i tanti vantaggi per cui gli italiani si dirigono sempre più verso la scelta di una vettura ibrida.

 

RAV4 Hybrid di Toyota
Accesso alle Ztl e parcheggi a tariffa agevolata sono tra i vantaggi delle auto ibride in città

 

A farla da padrone sul mercato i marchi Toyota e Lexus che rappresentano il 96 per cento delle vendite totali, merito anche del nuovo RAV4 Hybrid lanciato dalla casa giapponese. Dal look rinnovato e con tecnologia ibrida, le prime unità sono state consegnate lo scorso mese e il suv compatto ha già raggiunto il 13,6 per cento nel suo segmento e il 54,3 per cento di immatricolazioni a gennaio. Per darvi altri numeri, sono 25mila le vetture Toyota e Lexus vendute lo scorso anno, 85mila dal 2000 a oggi. D’altronde Toyota è leader anche a livello internazionale con 8,5 milioni di veicoli ibridi venduti nel mondo. E il marchio a Tre Ellissi non vuole fermarsi qui: l’obiettivo dichiarato è quello di diminuire di oltre il 22 per cento la media delle emissioni di CO2 dei nuovi modelli entro il 2020, e di ridurre entro il 2050 la media delle emissioni di anidride carbonica del 90 per cento, rispetto alla media del 2010, azzerando anche le emissioni di CO2 che derivano dal ciclo di vita della vettura e realizzando impianti di produzione a zero emissioni.

 

RAV4 Hybrid, il suv compatto con tecnologia ibrida di Toyota
RAV4 Hybrid, il suv compatto con tecnologia ibrida di Toyota

 

L’ibrido dunque sta rivoluzionando e rivoluzionerà il mondo dell’auto e il modo di andare in macchina. Non per niente secondo una ricerca di Found! (agenzia di relazioni pubbliche e digitali) la tecnologia ibrida applicata alle vetture risulta essere tra le dieci innovazioni del Terzo Millennio (almeno dei primi quindici anni) che hanno cambiato il mondo. Per selezionarle tutte sono stati monitorate 50 testate internazionali che si occupano di tecnologia, scienza, attualità e consultati 60 esperti di sociologia e scienza applicata. Il valore di un’innovazione è stato misurato inoltre in base ai benefici che ha portato alla popolazione mondiale: la semplificazione delle azioni quotidiane, il miglioramento delle comunicazioni tra persone in diverse parti del mondo, la risoluzione di problemi di carattere generale con risparmio di tempo, risorse ed energia. Così ecco che accanto a social network, smartphone, il laser utilizzato in ambito medico e artistico, l’Usb, il Gps, la stampante 3D, Wikipedia, ci sono anche le auto ibride (seguite da iPod e mappatura del genoma umano). E come per tutto il resto, in futuro non potremo più farne a meno.

Simboli green
L’auto ibrida è stata inserita tra le innovazioni più importanti del Terzo Millennio © Ingimage

 

Articoli correlati
Idrogeno: il punto sulla mobilità sostenibile in Alto Adige

Bilancio delle attività svolte e progetti futuri sull’idrogeno della Regione sono stati gli argomenti al centro di un incontro a Bolzano a cui ha partecipato anche Toyota. La casa automobilistica ha anche firmato in Giappone un accordo con altre 10 aziende per la costruzione su larga scala di stazioni di idrogeno nel Paese.

sponsorizzato da Toyota Beyond Zero