In Liguria bollo gratuito per le auto ibride ed elettriche

L’esenzione di cinque anni dal pagamento del bollo per le vetture ibride, in vigore da agosto, si aggiunge ai vantaggi fiscali già riservati ai modelli elettrici e bifuel.

Dopo la Puglia e la Basilicata, anche la Liguria azzera per cinque anni il bollo delle auto ibride, vale a dire mosse da un motore tradizionale (termico) abbinato a un propulsore elettrico e con le batterie, nel caso delle versioni plug-in, ricaricabili mediante una comune presa di corrente oppure una colonnina dedicata.

Lexus RX Liguria
Un esemplare di Lexus RX, concesso in comodato d’uso alla Regione Liguria

Senza bollo si risparmiano da 800 a 2.700 euro

Il disegno di legge, già valido per il 2016, entrerà in vigore a fine agosto e porterà così a tre le regioni che concedono l’agevolazione quinquennale. Secondo la Toyota, il più grande costruttore al mondo nonché la casa che sinora ha creduto maggiormente nella tecnologia ibrida – ha infatti venduto oltre 100mila veicoli di questo tipo in Italia – l’esenzione dal pagamento del bollo porterà in dote un risparmio quantificabile, per ogni automobilista, tra gli 800 e i 2.700 euro nell’arco dei cinque anni, variabile in funzione dei modelli. Il brand giapponese, a sostegno della politica di sgravi fiscali per lo sviluppo della mobilità sostenibile, ha inoltre consegnato alla Regione Liguria due auto ibride in comodato d’uso; una Toyota Prius, il modello più diffuso nei cinque continenti, e una SUV Lexus RX.

Vantaggi anche per i modelli a gas

In Liguria, l’esenzione dal bollo per cinque anni è prevista anche per le vetture elettriche e per le bifuel alimentate a benzina/GPL e a benzina/metano. “Abbiamo dato vita a un modello di sviluppo sostenibile – ha affermato il presidente della regione Giovanni Toti – che mira a conciliare l’ambiente con il progresso economico e l’abbattimento della pressione fiscale, dimostrando come la pubblica amministrazione possa e debba premiare le scelte e i comportamenti virtuosi dei cittadini in materia di mobilità”. Terminata l’esenzione quinquennale, i modelli ibridi dovranno versare solamente un quarto della tassa ordinariamente prevista per i corrispondenti veicoli a benzina o a gasolio.

bollo ztl e parcheggi gratis
In Italia 22 capoluoghi di provincia consentono alle auto ibride di accedere liberamente alle Ztl

Le agevolazioni in Italia

Oltre all’esenzione di cinque anni prevista dalla Puglia, dalla Liguria e dalla Basilicata, le ibride vedono azzerato il bollo per tre anni in Emilia Romagna, Campania, Lazio e Veneto. Capoluoghi come Torino, Milano, Bologna e Napoli consentono alle vetture di questo tipo di accedere alle zone a traffico limitato (Ztl), mentre a Genova, Reggio Emilia, Lecce e Messina possono usufruire della sosta gratuita nelle aree di parcheggio altrimenti a pagamento.

Articoli correlati
Economia circolare. Così l’auto diventa più virtuosa

Fabbriche e processi produttivi sempre più efficienti, rivestimenti ricavati dalla plastica. Persino una smart island dove l’auto elettrica è parte del sistema energetico locale. L’auto nell’economia circolare secondo Renault.