A New York arriva Little island, il nuovo giardino galleggiante sul fiume Hudson

New York sta lentamente tornando alla normalità: nasce Little island, un’isola con aree verdi, ristoranti e persino un anfiteatro con vista sul fiume.

È spuntato a New York un nuovo giardino galleggiante: parliamo di Little island, una piattaforma di circa 10mila metri quadrati sorta sul fiume Hudson in corrispondenza del Pier 54. Ci troviamo nel West side di Manhattan, a pochi passi dal vibrante Greenwich village con la sua High line e il Whitney museum of american art.

Mentre New York rinasce dopo la pandemia, nel corso dell’estate l’isola ospiterà un fitto programma di concerti, spettacoli ed eventi per bambini.

Little Island
Turisti visitano Little island, nel West side di Manhattan © Michael M. Santiago/Getty Images

Come è fatta Little island

Il progetto è stato sponsorizzato dal miliardario Barry Diller e dalla designer Diane von Furstenberg, e sviluppato dallo studio architettonico di Thomas Heatherwick – già noto per aver progettato il Vessel, la struttura a forma di alveare sita nella zona di Hudson yards – e da Signe Nielsen, di Mnla landscape, che si è occupata della vegetazione.

Le aree verdi rappresentano infatti una componente fondamentale del progetto: per ora sono stati piantati più di 66mila bulbi e 114 alberi, alcuni dei quali cresceranno in altezza per quasi 20 metri.

La struttura, costata 260 milioni di dollari, si regge su 280 pilastri di cemento e 132 “tulipani” posti su diversi livelli. Al suo interno le aree verdi sono intervallate da percorsi guidati, bar e ristoranti, un parco giochi per bambini, aree dove portare gli animali domestici o prendere il sole, e anche un anfiteatro da 687 posti con vista sul fiume.

Little Island
L’anfiteatro da 687 a Little island, New York © Michael M. Santiago/Getty Images

La genesi del progetto

L’area dell’Hudson river park in cui sorge l’isola, nel cuore del West side, è stata pesantemente danneggiata dall’uragano Sandy che si è abbattuto sulla costa orientale degli Stati Uniti nel 2012. L’idea di Little island è nata proprio l’anno successivo, nel 2013, ma a causa di vari problemi legali i lavori sono terminati solo quest’anno.

L’isola non è l’unica innovazione di cui i newyorchesi potranno approfittare: anche le aree limitrofe che affacciano sull’Hudson si trovano al centro di una serie di progetti di riqualificazione che saranno ultimati nel corso dei prossimi mesi. Poco più a sud, sul Pier 52, è in fase di costruzione la Gansevoort peninsula, un’altra piattaforma verde con tanto di spiaggia, mentre il Pier 57 ospita da poco i nuovi uffici di Google.

Little island è aperta dalle 6:00 del mattino all’1:00 di notte. L’ingresso è gratuito ma, al momento, è necessario prenotare online per visitarla tra le 12:00 e le 20:00.

Tulipani Little Island
I tulipani su cui si sviluppa Little island, sul fiume Hudson © Michael M. Santiago/Getty Images

Le reazioni

L’isola è stata inaugurata lo scorso 21 maggio e ha immediatamente ricevuto un’accoglienza positiva da parte di critici e giornali locali. Il New York Times l’ha definita “seducente” e il New York Magazine l’ha descritta come un “giardino in mezzo alla follia” della città.

“Spero che Little island possa diventare un’oasi stravagante per chiunque voglia visitarla, un luogo in cui girovagare e sorprendersi a ogni angolo, rilassarsi e ammirare il paesaggio, divertirsi, imparare ed essere stimolati dal nostro programma [di eventi]”, ha detto Barry Diller.

Più della metà della popolazione di New York (51,9 per cento) ha ricevuto almeno una dose dei vaccini contro la Covid-19, stando ai dati aggiornati al 6 giugno, e la città si prepara a riaprire completamente il 1 luglio: le sue mille luci sono pronte ad accendersi di nuovo.

Articoli correlati