Milano dice addio alla plastica nelle mense scolastiche

Da settembre nelle scuole primarie e secondarie milanesi piatti e stoviglie saranno in materiale biodegradabile e compostabile.

Secondo gli scienziati il nostro pianeta è entrato in una nuova era geologica, l’Antropocene, ovvero “l’era dell’uomo”. Guardandosi attorno si ha però l’impressione che l’espressione più corretta, forse, sarebbe Plasticocene, l’era della plastica. Quello della plastica è un grave problema ambientale che minaccia terre e oceani di tutto il mondo, l’immensa quantità di plastica presente nei mari viene inoltre ingerita dagli organismi marini, risalendo poi l’intera catena alimentare fino a giungere nei nostri piatti.

Germani che nuotano in un fiume pieno di plastica
Alcuni germani nuotano circondati da rifiuti di plastica REUTERS/Ognen Teofilovski (MACEDONIA ENVIRONMENT SOCIETY ANIMALS IMAGES OF THE DAY) – RTXQH0X

Milano all’avanguardia (in Italia)

Per contribuire a contrastare questo preoccupante fenomeno, nelle mense delle scuole milanesi non verrà più utilizzata la plastica. Da settembre stoviglie, piatti e bicchieri impiegati nelle scuole primarie e secondarie saranno interamente in materiale biodegradabile e compostabile. “Milano è la prima città d’Italia a vantare un servizio di refezione scolastica ecologicamente responsabile al 100 per cento”, si legge in una nota del Comune.

Un cambiamento iniziato nel 2015

La conversione delle tradizionali stoviglie di plastica usa e getta con quelle compostabili ha avuto inizio nel gennaio 2015, attraverso un processo di sostituzione graduale. “Sono bastati meno di due anni e il risultato è stato conseguito – ha affermato Gabriella Iacono, amministratore unico di Milano Ristorazione, società che gestisce il servizio. – Con il prossimo autunno si completerà l’azzeramento delle stoviglie in plastica ancora presenti nei refettori di Milano”.

Stoviglie e piatti compostabili
Stoviglie, piatti e bicchieri che da settembre saranno presenti nelle mense scolastiche milanesi saranno interamente biodegradabili e compostabili

Bicchieri di… mais e barbabietole

I nuovi bicchieri saranno realizzati in pla, un materiale plastico biodegradabile derivante dal mais, dal grano o dalle barbabietole, mentre piatti e stoviglie saranno forniti da un’azienda che utilizza materiale bioplastico di origine italiana.

Quanta plastica si risparmia

Si stima che nelle mense scolastiche milanesi vengano utilizzati annualmente, tra piatti, bicchieri, stoviglie e coppette, oltre 200mila chili di plastica. Il nuovo corso ne determinerà dunque una notevole diminuzione del consumo.

Bambini a pranzo a scuola
Alle stoviglie compostabili si aggiunge il maggiore ricorso ai detergenti a marchio Ecolabel che, con il nuovo anno scolastico, saranno impiegati in tutti i refettori raggiungendo così la quota dell’80% di detergenti con un ridotto impatto ambientale

Educare al riciclo

L’eliminazione della plastica, se contestualizzata e spiegata agli studenti, contribuirà infine ad impartire un importante insegnamento ambientale ai ragazzi. “Una scuola ecologicamente responsabile nei propri comportamenti non può che formare alunni consapevoli e rispettosi nei confronti dell’ambiente”, ha sottolineato Anna Scavuzzo, vicesindaco e assessore all’Educazione.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Beppe Sala al Superstudio Più di via Tortona. Così Milano coniuga creatività e sostenibilità

Milano è un esempio anche per la politica nazionale: includere la sostenibilità nell’agenda politica è fondamentale per rispondere alle sfide sociali, ambientali ed economiche di oggi. Nella cornice del Superstudio Più di via Tortona 27, a Milano, dove fino al 12 maggio si svolge la mostra Smart City: Materials, Technology & People, Beppe Sala ha precisato ancora meglio il

Punitori di noi stessi. La commedia degli equivoci di Norcia, il terremoto e Stefano Boeri

C’è una commedia degli equivoci del secondo secolo a.C., s’intitola Heautontimorumenos, “Il punitore di stesso”, è di Terenzio e racconta di un padre che per eccessiva severità causa l’allontanamento del figlio che s’arruola e così inanellano una sfilza di fraintendimenti. Poi c’è il terremoto in Umbria, il 30 ottobre 2016, quando una scossa di magnitudo