Mine: tocca alle donne mettere una pezza

Se ragionassimo in modo sessista, verrebbe da dire che le donne devono sempre “mettere una pezza” agli errori dei maschi. Oggi, nella giornata dedicata all’azione contro le mine anti uomo, il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon ha ricordato il fondamentale ruolo svolto dalle donne nella rimozione delle mine rimaste inesplose, nell’assistere le vittime e nell’insegnare

Se ragionassimo in modo sessista, verrebbe da dire che le donne devono sempre “mettere una pezza” agli errori dei maschi. Oggi, nella giornata dedicata all’azione contro le mine anti uomo, il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon ha ricordato il fondamentale ruolo svolto dalle donne nella rimozione delle mine rimaste inesplose, nell’assistere le vittime e nell’insegnare ai loro bambini come sopravvivere in zone contaminate da mine inesplose.

 

Donne e ragazze sono state spesso uccise dalle mine. Secondo il segretario, quando educano sui rischi o assistono le famiglie di chi è stato ucciso o mutilato, hanno un modo peculiare di sentire e di intervenire e per questo le Nazioni Unite hanno ritenuto opportuno ascoltare le voci delle donne, nella convinzione che il loro contributo alla campagna globale contro le mine sia fondamentale.

 

Le donne – ha sottolineato Ban Ki-moon – possono aiutarci a raggiungere gli obiettivi che ci siamo dati nell’azione contro le mine, nell’aumento della sicurezza, nella ricostruzione delle comunità, nel recupero dei terreni e nella lotta alla paura che questi ordigni inesplosi causano in diverse parti del mondo”.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
La strage dei bambini a Gaza nella foto vincitrice del World press photo 2024

Si chiamava Saly, aveva cinque anni. Nello scatto vincitore del World press photo 2024, il concorso di fotogiornalismo più importante al mondo, non si vede un centimetro del suo corpo senza vita. E non si vede nemmeno il volto della zia, Ines Abu Maamar, che lo stringe forte a sé. Mohammad Salem, fotografo dell’agenzia Reuters,