Minerali di guerra, si muove anche Bruxelles

Prende finalmente una linea la policy dell’Unione europea contro i cosiddetti “minerali di guerra”. Nelle scorse settimane, l’alto rappresentante dell’Unione per gli Affari esteri e la politica di sicurezza Catherine Ashton e il commissario per il Commercio Karel De Gucht hanno presentato un approccio integrato per bloccare l’impiego dei profitti derivanti dal commercio di minerali per finanziare conflitti armati   La

Prende finalmente una linea la policy dell’Unione europea contro i cosiddetti minerali di guerra. Nelle scorse settimane, l’alto rappresentante dell’Unione per gli Affari esteri e la politica di sicurezza Catherine Ashton e il commissario per il Commercio Karel De Gucht hanno presentato un approccio integrato per bloccare l’impiego dei profitti derivanti dal commercio di minerali per finanziare conflitti armati

 

La Commissione ha proposto un progetto di regolamento che istituisce un sistema di autocertificazione per gli importatori di stagno, tantalio, tungsteno e oro che scelgono di importare nell’Unione in modo responsabile. L’autocertificazione richiede agli importatori di osservare il dovere di diligenza (vale a dire evitare di provocare danni nelle zone in questione) garantendo che la gestione e il monitoraggio della catena di approvvigionamento e delle vendite rispettino le cinque tappe previste dalla guida dell’Ocse.

 

L’obiettivo è quello di operare al livello più efficace della catena di approvvigionamento di tali minerali, agevolando il flusso di informazioni a disposizione degli utenti finali sul dovere di diligenza. Il regolamento offre agli importatori dell’Unione che commerciano legittimamente con operatori di Paesi colpiti da conflitti armati l’occasione di rafforzare il loro impegno per garantire la trasparenza delle catene di approvvigionamento.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
La strage dei bambini a Gaza nella foto vincitrice del World press photo 2024

Si chiamava Saly, aveva cinque anni. Nello scatto vincitore del World press photo 2024, il concorso di fotogiornalismo più importante al mondo, non si vede un centimetro del suo corpo senza vita. E non si vede nemmeno il volto della zia, Ines Abu Maamar, che lo stringe forte a sé. Mohammad Salem, fotografo dell’agenzia Reuters,