Medici senza frontiere: 40 casi di abusi e molestie sessuali su 40mila operatori

Dopo lo scandalo-Oxfam, Medici senza frontiere ha deciso di pubblicare i risultati delle proprie indagini interne: 40 i casi di abusi individuati nel 2017.

Si allarga lo scandalo degli abusi sessuali commessi da alcuni operatori di una serie di organizzazioni non governative di primo piano. Dopo lo tsunami che ha travolto Oxfam e le accuse mosse ad altre associazioni (Save the Children, Christian Aid) e alla Croce Rossa britannica, Medici senza frontiere ha deciso di rendere pubblici i risultati di alcune indagini interne.

Leggi anche: Di quale scandalo è accusata Oxfam a Haiti

Diciannove persone allontanate da Medici senza frontiere, su un totale di oltre 40mila operatori

“Abbiamo preso questa decisione per portare avanti il nostro spirito di trasparenza, in un momento in cui il tema è sotto i riflettori in tutti i settori e gli ambiti della società, purtroppo anche quello umanitario”, ha spiegato l’associazione, che spiega di aver adottato già “da diversi anni dei meccanismi interni di denuncia, attraverso i quali tutti i membri dello staff possono riportare comportamenti inappropriati, abusi di potere, molestie o abusi sessuali”.

Grazie a tale impegno, prosegue Msf, “nel 2017, su un totale di oltre 40mila operatori umanitari impegnati in quasi 70 paesi nel mondo, abbiamo potuto individuare 40 abusi”. In particolare, in 24 casi si è trattato di molestie o abusi sessuali verso membri dell’organizzazione e, in due casi, a danno di persone esterne. “Per questo 19 persone del nostro staff sono state rimosse dal loro incarico”.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati
La strage dei bambini a Gaza nella foto vincitrice del World press photo 2024

Si chiamava Saly, aveva cinque anni. Nello scatto vincitore del World press photo 2024, il concorso di fotogiornalismo più importante al mondo, non si vede un centimetro del suo corpo senza vita. E non si vede nemmeno il volto della zia, Ines Abu Maamar, che lo stringe forte a sé. Mohammad Salem, fotografo dell’agenzia Reuters,