Mondiali 2014: la mascotte

Ritrae una rara specie di armadillo in via di estinzione la mascotte dei mondiali di calcio in Brasile. Il suo nome, ‘Fuleco’.

Si chiamera’ ‘Fuleco’ l’armadillo mascotte dei Mondiali del
2014 in Brasile. Lo ha deciso il pubblico al termine di un
sondaggio online durato tre mesi. Fuleco deriva dalle parole
portoghesi ‘futebol’ ed ‘ecologia’.

La Fifa ha annunciato ieri che oltre 1,7 milioni di brasiliani
hanno partecipato al voto. Gli altri nomi candidati erano ‘Zuzeco’
e ‘Amijubi’. Fuleco ha ricevuto il 48% delle preferenze, mentre il
31% e’ andato a Zuzeco e il 21% ad Amijubi. Amijubi viene dalle
parole “amizade” (amicizia) e “jubilo” (gioia), mentre Zuzeco viene
da “azul” (blu) ed “ecologia”.

Le tre opzioni sono state preselezionate da un comitato di alto
profilo composto, oltre che dall’ex-calciatore Bebeto, da politici
e celebrità brasiliane. Gli organizzatori non hanno potuto
scegliere un meccanismo più flessibile (ad esempio
consentendo ai tifosi di proporre ognuno un proprio nome)
perché i nomi devono soddisfare una miriade di prerequisiti
legali, trademarks, diritti d’autore.

La FIFA ha detto che i focus group mostrano che i più
frequenti termini usati dai brasiliani per descrivere questa nuova
mascotte includono “brasiliano”, “natura”, “amicizia”, “passione”.
Si tratta dell’immagine di un raro armadillo, il Tolypeutes
tricinctus, in pericolo di estinzione, che si arrotola a forma di
palla quando si sente minacciato. Secondo la FIFA “rappresenta il
modo in cui il Mondiale di calcio può coniugare i due
concetti per incoraggiare la gente a comportarsi in modo
ecosostenibile”.

La mascotte del Mondiale 2010 in Sudafrica è stato un
leopardo chiamato Zakumi, mentre il torneo del 2006 in Germania
aveva un leone di nome Goleo.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
La strage dei bambini a Gaza nella foto vincitrice del World press photo 2024

Si chiamava Saly, aveva cinque anni. Nello scatto vincitore del World press photo 2024, il concorso di fotogiornalismo più importante al mondo, non si vede un centimetro del suo corpo senza vita. E non si vede nemmeno il volto della zia, Ines Abu Maamar, che lo stringe forte a sé. Mohammad Salem, fotografo dell’agenzia Reuters,