Arriva MotoE, il primo campionato mondiale di moto elettriche con tecnologia italiana

Il 2019 è l’anno delle moto sportive elettriche con la prima edizione di Fim Enel MotoE world cup: c’è molta Italia in questa evoluzione elettrica del MotoGp.

Il 2019 è l’anno di Fim Enel MotoE world cup, il primo campionato mondiale dedicato alle motociclette a trazione elettrica. Un assaggio delle caratteristiche di queste moto, sviluppate dall’azienda italiana Energica, c’è stato nell’ultimo fine settimana di novembre sul circuito spagnolo di Jerez, dove si è svolta anche la gara di MotoGp.

motoe moto mondiale elettrico energica
Il 2019 è l’anno di Fim Enel MotoE world cup, il primo motomondiale dedicato alle due ruote elettriche. © Energica

Si tratta della prima di tre sessioni dedicate ai test, prima della partenza del campionato mondiale Fim Enel MotoE. Il luogo degli altri due test sarà sempre il circuito di Jerez,dal 13 al 15 marzo e dal 23 al 25 aprile 2019.

Leggi anche: Arriva il Motomondiale elettrico, e tutte le moto sono italiane

La moto Energica Ego Corsa ha convinto anche Sete Gibernau, l’ex vice-campione di MotoGP che, a quarantasei anni e dopo nove anni di inattività, ha deciso di tornare alle corse entusiasta di questo motomondiale elettrico. Gibernau ha affermato di sentirsi un po’ arrugginito ma che la moto è divertente da guidare, sebbene sia un po’ pesante.

Quanta Italia c’è nel Fim MotoE world cup

Le motociclette elettriche sono tutte uguali e fornite dall’azienda modenese Energica Motor Company. Sono in grado di raggiungere i 270 chilometri orari grazie a una batteria da venti chilowattora e a una potenza da centoventi chilowatt (equivalente a centosessanta cavalli).

Leggi anche: Livia Cevolini. Ecco la supersportiva elettrica che fa da 0 a 100 in 3 secondi

Italiani sono anche i freni (Brembo) e i cerchioni (Marchesini). Enel sarà invece lo sponsor principale del campionato: l’energia necessaria per alimentare le moto viene fornita da fonti rinnovabili.

 

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da MotoGP (@motogp) in data:

Il campionato mondiale di motociclismo elettrico vede la partecipazione di dodici squadre: diciotto sono i piloti tra cui una donna (Maria Herrera) e quattro italiani (Mattia Casadei, Alex de Angelis, Matteo Ferrari, Lorenzo Savadori). Tra i team in competizione per il MotoE world cup c’è anche Ongetta Sic58, la  squadra di Paolo Simoncelli, padre del pilota Marco “Sic” Simoncelli che perse la vita nel 2011 in una gara di MotoGp.

Paolo Simoncelli si dice molto entusiasta di questa nuova esperienza, dopo aver superato l’iniziale scetticismo è riuscito ad apprezzare i suoni emessi dalle moto che altrimenti non potrebbero essere ascoltati per l’emissione dei classci rombi dei motori a scoppio. Simoncelli ha anche spiegato ai microfoni di Sky Sport un aneddoto su un fatto curioso che lo ha convinto a cominciare questa avventura in MotoE world cup.

Articoli correlati