Al MUDEC, il Museo delle Culture della nuova Milano

Un nuovo spazio a Milano in zona Tortona che ben rappresenta lo spirito della città che da Expo in poi vuole essere centro di coesione tra diverse culture senza dimenticare la propria storia. L’abbiamo visitato e vi raccontiamo cosa offre.

Un’architettura a due facce: linee rette e spigolose all’esterno che diventano curve e più accoglienti all’interno, siamo al MUDEC, il nuovo Museo delle Culture inaugurato da poco a Milano in zona Tortona, già famosa per il Salone del Mobile.

 

Mudec foto di Simona Denise Deiana

 

Sorto nell’Area industriale ex Ansaldo, il Mudec vuole essere un centro multiculturale, attento alle forme d’arte di ogni parte del Mondo e dunque alle forme espressive di ogni popolo. Un’arte che dia vita alla pluralità di genti del Mondo e di Milano che ne ospita e accoglie svariate.

 

Mudec foto di Simona Denise Deiana

 

Non è un caso che le mostre ora in cartellone siano, da una parte il racconto di come Milano abbia accolto e divulgato al grande pubblico le diverse culture non europee nel corso dei suoi più rilevanti eventi espositivi con – Mondi a Milano e un viaggio altrove con – Africa la terra degli spiriti – che ci offre i diversi sguardi con i quali la cultura occidentale si è posta dinnanzi ad alcune espressioni artistiche d’Africa.

 

Mudec foto di Simona Denise Deiana

 

La prima esposizione ci riconduce a Expo Milano 2015 e fa viaggiare nel tempo e nel Mondo con un excursus di ciò che rappresentano le Esposizioni in termini sociali, culturali e interculturali.  Un’analisi che permette di apprezzare ancor di più l’essere il centro del Mondo grazie a Expo.

 

Africa la consigliamo caldamente perché è, anche se per breve tempo, essere in Africa: l’allestimento fortemente emozionale ci fa vagare tra folti e alti alberi che fitti nascondono tra loro, come in mini-palcoscenici, l’arte di questo continente. Le opere, illuminate come da una luce divina, sono gli unici punti luce nell’oscurità carica di pathos grazie ai suoni della foresta. Magico, davvero.

 

Riempiti gli occhi di arti lontane che ci uniscono a queste culture meravigliose, potete tornare a girovagare tra il museo e godervi un pranzo nel ristorante all’ultimo piano, suggestivo e con una vista urbana non indifferente o far partecipare i vostri bambini alle molte attività organizzate al Mudec Lab.
Mudec foto di Simona Denise Deiana

 

Se volete qualcosa di più informale e veloce, fermatevi al Bistrot del piano terra e incuriositevi davanti ai pezzi del Design store.
Mudec foto di Simona Denise Deiana

 

Vi segnaliamo che presto il Mudec ospiterà una grande esposizione su Gaguin e una sulla Barbie, come dire: un mix di culture questo museo, una bella fotografia del mondo e di Milano. Visitatelo!

 

Articoli correlati