Olimpiadi invernali, prove di pace tra Corea del Nord e Corea del Sud

Strette di mano, sorrisi e speranze nella prima riunione tra Corea del Nord e Corea del Sud. A fornire una speranza di pace, i Giochi Olimpici invernali.

La stretta di mano tra il ministro per l’Unificazione della Corea del Sud, Cho Myoung-gyon, e il presidente della Commissione per la riunificazione pacifica della Corea del Nord, Ri Son-gwon, vale più di mille parole. I volti sorridenti, lo sguardo a favore di obiettivo: il primo incontro ufficiale tra le due nazioni dopo anni di silenzio è sembrato un successo.

https://www.youtube.com/watch?v=kvD-jLACrIo https://www.youtube.com/watch?time_continue=2&v=sRudUWG7e7A&has_verified=1

“La Corea del Nord ha chiesto di poter inviare una nutrita delegazione alle Olimpiadi”

Beninteso: di certo non si può ancora considerare un ricordo il conflitto tra le due nazioni asiatiche. Quello che è stato effettuato è infatti soltanto un primo incontro tra le parti. Ma ciò che ha suscitato grandi speranze è l’immediata volontà, espressa dagli emissari di Pyongyang, di partecipare ai Giochi Olimpici invernali che si terranno a Pyeongchang, in Corea del Sud, a partire dal 9 febbraio.

corea olimpiadi
La delegazione sudcoreana in viaggio verso la zona demilitarizzata al confine con la Corea del Nord per la prima riunione ufficiale tra le due diplomazie dopo anni di silenzio © Chung Sung-Jun/Getty Images

“La parte nordcoreana ha proposto di inviare una delegazione di alto livello, composta da un comitato nazionale olimpico, da atletitifosi, artisti, osservatori, nonché da una squadra dimostrativa di taekwondo e da alcuni giornalisti”, ha fatto sapere alla stampa una fonte del governo di Seul. Lo stesso esecutivo ha anche approfittato dell’apertura effettuata dal regime di Kim Jong-un sullo sfondo delle Olimpiadi invernali per discutere della possibile riunificazione di alcune famiglie che vivono separate dai tempi della guerra di Corea (1950-1953). La storica riunione potrebbe essere effettuata il 16 febbraio, in occasione del nuovo anno lunare e in coincidenza con gli stessi Giochi.

Desideriamo lavorare per fare delle Olimpiadi un festival della pace e un primo passo verso un reale cambiamento nelle relazioni inter-coreane Cho Myoung-gyon

Estremamente positive anche le parole del nordcoreano Ri, che prima dell’apertura delle discussioni ha avanzato l’augurio di “uno scambio sincero e onesto, con l’obiettivo di offrire risultati preziosi al popolo coreano”. Ancor più ottimista il sudcoreano Cho: “Questi colloqui arrivano dopo un lungo periodo d’interruzione. Desideriamo lavorare per fare delle Olimpiadi un festival della pace e un primo passo verso un reale cambiamento nelle relazioni inter-coreane”.

La scelta di apertura del nuovo presidente sudcoreano Moon Jae-in

Un impulso determinante all’avvio di un dialogo è arrivato certamente dall’elezione, nello scorso mese di maggio, del nuovo presidente progressista sudcoreano Moon Jae-in, che ha interrotto un decennio di gelo diplomatico, coinciso con le amministrazioni conservatrici di Lee Myung-bak e di Park Guen-hye. Moon, in particolare, non ha mai modificato la propria posizione di apertura nei confronti di Pyongyang, nonostante l’escalation verbale tra Kim Jong-un e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump. E nonostante i numerosi test missilistici e nucleari effettuati dalla Corea del Nord nei mesi scorsi.

corea olimpiadi
Cittadini sudcoreani seguono in tv la riunione tra le delegazioni di Pyongyang e Seul © Chung Sung-Jun/Getty Images

Lo stesso leader di Seul è riuscito, lo scorso 5 gennaio, a convincere l’amministrazione di Washington a ritardare le manovre militari “Key Resolve” e “Foal Eagle”, che avrebbero dovuto simulare un’invasione della Corea del Nord. Una fiducia nella pace che, forse, ora comincerà a dare i propri frutti.

Articoli correlati