Parolario, torna la cultura in riva al lago

Dal 29 agosto al 6 settembre torna Parolario, lo storico appuntamento comasco di fine estate con la cultura, i libri e la lettura. Quella di quest’anno è la quattordicesima edizione

A fine estate, se vi trovate sulle rive del lago di Como, non potete perdere Parolario, la storica manifestazione comasca ricca di incontri, spettacoli, letture e arte. L’edizione di quest’anno si apre all’insegna delle novità.

 

Villa Gallia
E’ la nuova sede dell’evento, scelta per gli incontri: costruita nel 1615 dall’abate Marco Gallio sulle rovine della villa-museo dell’umanista Paolo Giovio, è uno degli edifici più antichi della città e da 60 anni è di proprietà della Provincia di Como. In occasione di Parolario, la villa verrà eccezionalmente aperto il cancello che si affaccia sulla passeggiata a lago, e il pubblico potrà quindi accedere direttamente dai giardini. Si va ad aggiungere alle altre storiche sedi, Villa del Grumello, che quest’anno ospiterà incontri legati alla cultura del cibo e del verde, e Villa Sucota/FAR, presso cui si terranno incontri sull’arte, sul design, sulla politica e sulla storia.

 

Parolario-3

Villa Gallia. Foto ©wikimedia.org

 

Il gusto ritrovato

In attesa di Expo 2015, il tema principale di questa quattordicesima edizione è incentrato sul gusto, nel senso più ampio del termine: non solo gusto legato ai sapori della tavola ma inteso anche come sensibilità alla bellezza naturale e come capacità di cogliere il bello nell’arte. Anche Parolario si confronterà con il problema del nutrimento dell’uomo e della terra, partendo dall’acqua, fonte primaria della vita, che sarà al centro dell’incontro con Francesco Occhiuto, direttore del Parco del Lura (parco che si estende per quasi 1.500 ettari e interessa 12 comuni tra Bulgarograsso e Linate, percorso per tutta la sua lunghezza dal torrente Lura, che confluisce nel fiume Olona a Rho).
Come ogni anno, il tema sarà declinato in molti modi e quindi non mancheranno gli incontri con filosofi e poeti, oltre alla rassegna cinematografica a chiusura di ogni giornata del festival.

 

Parolario-2

Lo stand dei libri. Foto © nadirpress.net

 

Gli ospiti

Una delle novità di quest’anno è la collaborazione con la rivista di critica letteraria Satisfiction, che ha reso possibili 16 incontri con personaggi della cultura e dello spettacolo italiani, tra cui il regista Ferzan Özpetek, Monica Guerritore, Selvaggia Lucarelli, Federico Roncoroni, Giuseppe Sgarbi con Elisabetta Sgarbi e Vittorio Sgarbi, ma anche Giorgio Gherarducci e Marco Santin della Gialappa’s Band. Per la prima volta, inoltre, Parolario organizzerà due incontri in collaborazione con PiazzaParola, festival di letture e incontri con scrittori contemporanei che si tiene a Lugano (Svizzera) nel mese di settembre.

 

Info
Gli incontri si terranno dal 29 agosto al 6 settembre. Il programma della manifestazione è visibile sul sito di Parolario, oltre che sui social network Facebook e Twitter. Saranno inoltre attivi un bus navetta gratuito che collegherà Piazza Cavour ai luoghi degli incontri, realizzato in collaborazione con ASF Autolinee, e un servizio di Ciclonavetta a offerta libera da Piazza Cavour a Villa Gallia, realizzato in collaborazione con Urban Bike Courier.

 

Parolario è realizzato con il patrocinio di MiBACT Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, e Expo 2015. LifeGate è tra i media partner dell’evento, insieme al Quotidiano La Provincia, Satisfiction e Televisionet.tv.

 

[Foto di copertina: retegiardinistorici.com]
Articoli correlati
Ci stiamo mangiando il pianeta

È quanto sostiene la professoressa di filosofia Lisa Kemmerer, autrice del libro Mangiare la terra. Etica ambientale e scelte alimentari.

That tree, una quercia in 365 scatti

Mark Hirsch, redattore e fotografo per aziende, ha fotografato lo stesso albero, una quercia, ogni giorno, per un anno utilizzando il suo iPhone 4S. Il progetto ora è diventato un libro.

9 miliardi di posti a tavola

Dove si vedono gli effetti diretti dei cambiamenti climatici e del “business as usual”? A tavola. Il presidente dell’Earth Policy Institute torna con un nuova analisi: lucida, coinvolgente, netta, che spinge ad agire, a cambiare rotta.