Polmoni d’acciaio, l’aria tossica della siderurgia

Polmoni d’acciaio – resistenze locali ad ingiustizie globali è un documentario denuncia le conseguenze dell’Ilva italiana e di quelle brasiliane.

Taranto, Rio de Janeiro, Açailândia. Il filo rosso che collega la Puglia con le due città brasiliane è la siderurgia, che per gli abitanti del luogo non è tanto un’attività industriale, quanto una malattia. Per denunciare le conseguenze che questa industria pesante sta avendo sulla popolazione, è stato girato il video Polmoni d’acciaio – Resistenze locali ad ingiustizie globali, un documentario nato da un’idea dei missionari comboniani e frutto di un lavoro collettivo che ha coinvolto diversi protagonisti della società civile brasiliana e italiana.

 

Il film è stato prodotto dalla Onlus Luci nel mondo con la regia di Paolo Annechini e Andrea Sperotti e con la supervisione di Padre Dario Bossi e Marco Ratti. In 31 minuti e 16 secondi gli spettatori entrano nelle vite di uomini, donne e bambini devastate dall’arrivo di enormi impianti siderurgici.

 

Le realtà presentate sono tre: il rione Tamburi di Taranto, dove l’Ilva ha messo in piedi l’impianto siderurgico più grande d’Europa; il quartiere Santa Cruz di Rio de Janeiro, dove si trova un’enorme impresa di acciaio della Tkcsa (joint venture ThyssenKrupp-Vale); la zona industriale di Piquiá de Baixo, nella città brasiliana di Açailândia (Stato del Maranhão), circondata dagli altoforni della Viena Siderúrgica, della Gusa Nordeste e del Grupo Queiróz Galvão Siderurgia.

Articoli correlati