Rimedi naturali

Propoli, proprietà e usi dell’antibiotico naturale

Nota fin da tempi antichissimi, la propoli è un ottimo alleato contro le malattie. Tutto quello che c’è da sapere su questo prezioso antibiotico naturale.

La propoli è una miscela di resine naturali raccolte dalle api su corteccie e germogli, rielaborate poi con secrezioni e cere all’interno dell’alveare. Il ruolo della propoli nell’alveare è principalmente quello di proteggere dal freddo e dai possibili predatori. Si rivela, infatti, un ottimo collante per rinforzare e otturare eventuali fessure presenti nell’arnia, è un utile isolante per bloccare il fenomeno della putrefazione di corpi estranei rimasti imprigionati all’interno dell’alveare ed è un mezzo per difendersi da microrganismi estranei e nocivi all’alveare stesso.

Leggi anche: Come curare il dolore alle gengive

La propoli come antibiotico

Già gli Egizi, osservando questi fenomeni, usavano la propoli nella pratica della mummificazione. In seguito, l’utilizzo si è diffuso in medicina come antisettico. Si definisce antibiotico una sostanza prodotta da un microrganismo, capace di ucciderne altri. E la propoli è proprio costituita essenzialmente da una miscela di composti di natura aromatica e fenolica presenti nelle piante, in particolare è la grande ricchezza di flavonoidi che assicura la funzione più preziosa: quella antimicrobica.

Le api non vanno in diapausa, ma rimangono attive durante l'inverno sfruttando l'energia contenuta nel miele (foto via GettyImages)
Le api non vanno in diapausa, ma rimangono attive durante l’inverno sfruttando l’energia contenuta nel miele (foto via GettyImages)

Le proprietà della propoli

Si riscontrano inoltre numerose sostanze benefiche, tra cui acidi grassi, aminoacidi, vitamine, sali minerali, la cui distribuzione percentuale è molto variabile in funzione delle stagioni e del tipo di vegetazione presente nel luogo. L’utilizzo della propoli è indicato principalmente per combattere le infezioni dell’apparato respiratorio come raffreddore, mal di gola, influenza, ma la sua peculiarità è l’ampia versatilità: dalla cura dell’igiene orale, contro alito cattivo, gengiviti, infiammazioni della bocca in genere, alle cicatrizzazioni lente e difficili; da dermatiti, screpolature, foruncoli, eczemi, a problemi ginecologici fino alla cura di gastriti, coliti e ulcere.

La propoli per difendersi dalle malattie

La propoli mantiene forte sistema immunitario e combatte, tenendo lontano, diverse malattie. Vediamole in dettaglio.

Tosse, raffreddore e influenza

I migliori risultati sembra siano ottenuti prendendo 1-1,5 grammi al giorno di propoli ogni giorno, osservando una pausa di una settimana ogni tre o quattro mesi per evitare che l’organismo si abitui troppo alla propoli.

Artrite 

I dolori muscolari rappresentano uno degli utilizzi più popolari della propoli a conferma delle sue proprietà analgesiche e anti-infiammatorie. La cura prevede di prendere il propoli per uso interno sotto forma di tintura, capsule o pasticche oppure, usare pomate o pomate da applicare sulle parti infette.

Asma e bronchite

Esiste una lunga tradizione trattare i problemi respiratori con la propoli: inibisce il processo infiammatorio tipico dei disturbi respiratori. Il propoli dovrebbe essere preso appena si sospetta un raffreddore o un’infezione, il trattamento dovrebbe durare almeno tre giorni.

Scottature

Le ustioni minori possono essere trattate con varie pomate, unguenti, tinture e spray a base di propoli. Se si usa una tintura meglio una a base di propoli e miele piuttosto che a base alcolica.

Problemi dentali

Nel trattamento delle infiammazioni delle gengive e delle mucose orali, la tintura di propoli favorisce la cicatrizzazione delle ferite e, come collutorio, rinfresca l’alito.

Disordini gastrointestinali

Contro nausea, bruciori di stomaco, disappetenza, iperacidità e ipoacidità sono necessarie 20 gocce di tintura di propoli molto diluita in acqua calda, presa a intervalli regolari (tre volte al giorno) durante il giorno.

Faringiti/laringiti e mal di gola

Il trattamento può avvenire in una varietà di modi. Oltre a rivestire la gola do propoli si consiglia di fare gargarismi con una soluzione di tintura di propoli e acqua calda e di inghiottire la soluzione.

Problemi cutanei

Contro psoriasi, eczema e acne. In questo caso si usano pomate a base propolica (verificare
con test cutaneo se esistono allergie al prodotto), contemporaneamente si può prendere il propoli per uso
interno.

propoli
La propoli rafforza le difese immunitarie e tiene lontane moltissime malattie

Come usare la propoli

Non esiste una quantità standard definibile per l’assunzione della propoli. In genere si consiglia per la soluzione alcolica, la più usata, dalle otto alle dieci gocce al dì disciolte a piacere in poca acqua o in cucchiaino di miele, meglio se lontano dai pasti. Come per tutti i prodotti naturali, però, anche la propoli può provocare, seppure molto raramente, allergie che si manifestano generalmente con reazioni cutanee, si consiglia perciò di iniziare con piccole dosi. Può essere assunta anche in gravidanza e in allattamento, sempre lontana dai pasti.Oggi la propoli viene estratta con moderne tecniche che ne assicurano la purezza, rendendola disponibile in farmacia in varie forme: soluzione idroalcolica, soluzione glicolica, capsule, collutorio, sciroppi, spray orale e nasale, unguento, utilizzata da sola o associata ad altri componenti che ne completano l’azione.

Articoli correlati
;