Proteste in Brasile a pochi giorni dall’inizio dei Mondiali di calcio

Autobus fermi da due giorni, disordini in aeroporto. A pochi giorni dall’inizio dei Mondiali di calcio, il Brasile è attanagliato da disordini e problemi.

Dal 21 maggio migliaia di brasiliani, autisti di autobus e mezzi pubblici di San Paolo hanno bloccato il traffico creando il caos nel centro cittadino e nelle aree limitrofe, causando tra l’altro la sospensione di una conferenza governativa nella sede del ministero del Lavoro.

 

Autisti e operatori dei trasporti protestano contro i bassi salari e le politiche restrittive adottate dal governo guidato da Dilma Roussef in occasione dei Mondiali di calcio. In queste ore è prevista una riunione fra i leader della protesta e il sindaco di San Paolo, Fernando Haddad. Intanto però i disordini si estendono anche verso la zona dell’aeroporto di Guarulhos, dove si registrano incendi di auto e blocchi stradali.

Agli operatori dei trasporti, il 22 maggio si sono unite circa 25mila persone che fanno parte del movimento Homeless workers (lavoratori senza casa). Chiedono una casa e vogliono sapere dal governo perché sono stati spesi così tanti soldi per costruire e rinnovare gli stadi di calcio che verranno usati per i Mondiali invece di destinare quelle risorse per le persone che non hanno un lavoro e un tetto sotto cui dormire.

 

A Rio continua invece lo sciopero della polizia iniziato il 20 maggio, a cui hanno aderito anche reparti delle forze federali e militari. I leader sindacali delle forze dell’ordine non escludono manifestazioni durante le settimane in cui si disputerà la Coppa del mondo. Oggi il governo ha bollato la “radicalizzazione” delle proteste, che mettono a serio rischio la macchina organizzativa dell’evento.

 

Il Brasile si trova in una situazione molto simile a quella che si è verificata un anno fa per la Confederation cup e che nel corso dei mesi non ha visto l’impegno del governo per migliorarla sottovalutando le richieste delle persone comuni. A pochi giorni dal 12 giugno, giorno di inizio dei Mondiali, la paura della presidente Rousseff è che questa ondata di scioperi e proteste possa paralizzare il paese e trasformare l’evento, che dovrebbe fungere da vetrina sul mondo, in una lente di ingrandimento sui problemi reali, dalla disoccupazione alla mancanza di diritti sufficienti di alcuni settori della società.

Articoli correlati