Referendum costituzionale, Matteo Renzi si dimette dopo la vittoria del no

I no hanno vinto al referendum costituzionale del 4 dicembre e la riforma Boschi è stata respinta. Il primo ministro Matteo Renzi ha annunciato le dimissioni.

Domenica 4 dicembre si è votato per il referendum popolare confermativo della legge costituzionale (referendum costituzionale) approvata dal parlamento e pubblicata nella Gazzetta ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016. Il no ha vinto con il 59,95 per cento contro il 40,05 per cento dei sì e la riforma è stata respinta. Per questo motivo, come promesso durante la campagna elettorale, il primo ministro Matteo Renzi ha annunciato che si dimetterà. L’affluenza è stata superiore al 68,4 per cento, con 31.997.916 votanti.

“Mi assumo tutte le responsabilità della sconfitta” (Matteo Renzi)

“Il no ha vinto in modo straordinariamente netto. Tocca a chi ha vinto avanzare proposte serie e credibili”, ha dichiarato Matteo Renzi durante la conferenza stampa che ha tenuto da Palazzo Chigi dopo mezzanotte. “Mi assumo tutte le responsabilità della sconfitta. Chi lotta per un’idea non può perdere”. A chi ha lottato per il sì dice “siate orgogliosi di voi stessi”.

matteo renzi dimissioni

“Io ho perso e lo dico a voce alta anche se con il nodo in gola. Io credo nella democrazia e per questo l’esperienza del mio governo finisce qui“, ha affermato Renzi. “Domani pomeriggio ringrazierò il Consiglio dei ministri e salirò al Colle per rassegnare le mie dimissioni”.

Ora spetta al presidente della Repubblica Sergio Mattarella fare la prossima mossa. Decidere se affidare il nuovo incarico a un’altra personalità della maggioranza attuale (si parla dei ministri Piercarlo Padoan, Graziano Delrio, Dario Franceschini o del presidente del Senato Pietro Grasso) oppure indire elezioni anticipate, la soluzione auspicata dalle opposizioni, Lega Nord e Movimento 5 stelle in testa.

Le regioni che hanno votato di più e di meno

Le regioni settentrionali hanno votato di più, mentre quelle meridionali hanno votato di meno. In particolare, la regione con la più alta partecipazione al voto è stata l’Emilia-Romagna con il 75,93 per cento, mentre quella con l’affluenza più bassa è stata la Calabria con il 54,43 per cento.

Per quanto riguarda i dati dell’affluenza degli italiani residenti all’estero, il dato finale è del 30,89 per cento. Molto alto se si paragona al 32 per cento delle elezioni politiche del 2013 o al 19 per cento del referendum sulle trivelle quando, peraltro, era necessario il raggiungimento del quorum del 50 per cento più uno degli aventi diritto al voto.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Riforma costituzionale, via libera definitivo del parlamento al ddl Boschi

Il disegno di legge Boschi (ddl, dal nome della ministra che lo ha promosso) sulla riforma costituzionale è stato approvato definitivamente dal parlamento italiano. Il 12 aprile l’ultimo passaggio, che ha visto il voto favorevole della Camera dei deputati, è andato a buon fine con 361 voti favorevoli e 7 contrari.   L’ultimo ostacolo: il referendum costituzionale

Perché occupare le università oggi

L’occupazione delle università è l’occasione per cercare un confronto, aprire un dialogo e sperare in un ascolto da parte di chi ha in mano il futuro dei giovani.