Sandibe Okavango, in Botswana il primo resort che rispetta la natura

Sulle rive del delta dell’Okavango, in Botswana, un resort trasforma il lusso in qualcosa di sostenibile. Le strutture e i materiali naturali si confondono con il paesaggio africano senza rinunciare al comfort e alla bellezza.

Lungo il delta del fiume Okavango, in Botswana, non è più un problema ammirare la fauna selvatica africana senza intaccare l’equilibrio ambientale della riserva naturale patrimonio dell’Unesco. L’albergo &Beyond Sandibe Okavango Safari Lodge, progettato da Michaelis Boyd e Nick Plewman, garantisce tutti i comfort (e anche qualcosa di più) nel totale rispetto della natura.

 

botswana-safari-resort2©  &Beyond Sandibe Okavango

 

La struttura dell’&Beyond Sandibe Okavango si affaccia sulle rive del fiume Okavango quasi confondendosi tra la vegetazione e gli animali della riserva, fondendosi con il paesaggio grazie alle forme sinuose che richiamano le abitazioni locali a palafitte e all’uso esclusivo di materiali sostenibili come il legno e la terracotta. Il progetto, ispirato alla corazza del pangolino, un formichiere africano, si apre verso il corso d’acqua consentendo la ventilazione e l’illuminazione naturale delle stanze.

 

botswana-safari-resport©  &Beyond Sandibe Okavango

 

Per mantenere il comfort dei locali durante tutte le stagioni, l’intero edificio sfrutta i più moderni sistemi energetici da fonti rinnovabili, i soli elementi artificiali di tutta la  struttura. Questo perché le camere, una sorta di nidi d’uccello tra gli alberi, sono rivestite con una particolare stuoia intrecciata che ricorda l’artigianato locale e consente l’isolamento termico sia in estate che in inverno, senza l’impiego di sistemi di condizionamento.

 

botswana-safari©  &Beyond Sandibe Okavango

 

Il messaggio che il resort &Beyond Sandibe Okavango e gli architetti Boyd e Plewman vogliono trasmettere è quello del viaggio consapevole ma senza rinunce. La crescente richiesta di edifici a basso impatto ambientale conferma l’attenzione alle tematiche ambientali anche per le grandi strutture, anche di lusso. La riprogettazione del resort in Botswana è uno di quei casi in cui nessun dettaglio viene trascurato, neanche quello del rispetto della natura.

Articoli correlati
25-27 aprile: sboccia FloraCult!

FloraCult, la manifestazione di florovivaismo che si tiene a Roma da ormai 5 anni, torna dal 25 al 27 aprile ai Casali del Pino con tante novità.

Facciamo Festival!

Apre il 5 giugno il Festival internazionale dell’ambiente, a Milano. Si tratta del primo grande evento correlato ad Expo 2015. Ma non solo.