In Sudafrica 306 morti per le peggiori inondazioni della storia

Numerosi giorni di piogge torrenziali hanno provocato centinaia di vittime in Sudafrica, in particolare nelle regione attorno a Durban.

Sono almeno 306 le persone rimaste uccise a causa di devastanti inondazioni che hanno colpito il Sudafrica. Le peggiori della storia, secondo quanto dichiarato dalle autorità locali, a cominciare dal presidente Cyril Ramaphosa. Il bilancio pubblicato dall’ufficio di gestione delle catastrofi della provincia più colpita, quella di Kwazulu-Natal, potrebbe inoltre aggravarsi ulteriormente nelle prossime ore.

Ponti distrutti, strade inondate di fango e black out in Sudafrica

A causare le inondazioni sono state le piogge torrenziali che si sono abbattute sul territorio a partire dallo scorso fine settimana. E che hanno portato il quantitativo di precipitazioni a raggiungere i livelli più alti degli ultimi sessant’anni. Il tutto ha provocato una situazione definita “da incubo”. Ramaphosa ha riferito di ponti distrutti, strade crollate, cittadini rimasti intrappolati: “È una catastrofe di dimensioni enormi”.

sudafrica, carbon tax
Il presidente del Sudafrica Cyril Ramaphosa © Kremlin.ru / Wikimedia Commons

In alcune aree attorno alla città di Durban gli smottamenti hanno creato delle gigantesche “crepe” nel suolo, nelle quali si sono riversati torrenti d’acqua. In quelle stesse zone, a cominciare dalla periferia povera di Clermont, la popolazione è senza elettricità da giorni e le strade rimaste intatte sono comunque inutilizzabili poiché coperte da macerie o da fango.

Bloccate attività portuali e collegamenti ferroviari

Per comprendere l’estensione dei danni, basti pensare che le scuole colpite dalle inondazioni sono almeno 240. Mentre numerosi villaggi sono invasi da rifiuti di ogni tipo, trascinati dall’acqua sulle spiagge di Durban, assieme a detriti, cartelli stradali e perfino semafori.

Al contempo, sono state anche sospese tutte le attività portuarie. Numerosi container trasportati dalle navi sono stati trascinati via, e il contenuto è stato in parte saccheggiato. Le autorità hanno anche disposto il blocco dei collegamenti ferroviari e chiesto alla popolazione di evitare ogni spostamento.

Le responsabilità dei cambiamenti climatici

Mary Galvin, docente presso l’università di Johannesburg, ha evidenziato all’agenzia Afp le responsabilità del riscaldamento globale nell’aumento della frequenza e dell’intensità degli eventi meteorologici estremi. “Sappiamo – ha spiegato – che i cambiamenti climatici si aggravano. Siamo passati dalle tempeste del 2017 alle inondazioni considerate da record del 2019, ma che sono già state superate da quelle di quest’anno”.

Tre anni fa le piogge torrenziali avevano provocato 70 vittime nella vicina provincia del Capo Orientale. All’epoca, numerosi villaggi erano stati rasi al suolo dalle colate di fango.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati