In Svezia è iniziato il più grande abbattimento di lupi della storia moderna

I cacciatori potranno abbattere 75 lupi dei 460 rimanenti in Svezia. Il paese ha dato il via libera al più grande abbattimento di lupi degli ultimi anni.

Da diversi mesi il governo svedese si stava preparando al più grosso abbattimento di lupi selvatici all’interno dei suoi confini. “Il numero di lupi cresce ogni anno, aumentano i conflitti mentre la tolleranza è crollata”. Con queste parole Anna-Caren Sätherberg, ministro svedese per gli affari rurali, annunciava sulla televisione pubblica l’intenzione del governo di abbattere circa la metà degli individui della popolazione di lupi svedesi. Purtroppo, con l’inizio dell’anno, la caccia al lupo è iniziata.

75 lupi da abbattere

Quasi tutti i membri del parlamento erano d’accordo a firmare per questo abbattimento che avrebbe potuto decimare la popolazione da circa 450 individui a 170. Diversi gruppi ambientalisti sono insorti, accusando il governo svedese di non aver preso in considerazione le problematiche legate alla dinamica di popolazione – che con un numero così ridotti di individui sarebbero potute essere devastanti – ma soprattutto di incombere in sanzioni dall’Europa a causa della violazione di diverse norme per la protezione delle specie. Per fortuna, se così si può chiamare,  il numero di abbattimenti è stato rivisto e da lunedì, per i prossimi mesi, saranno 75 lupi ad essere abbattuti da 200 cacciatori nelle foreste tra Gävleborg and Dalarna, a qualche centinaia di chilometri da Stoccolma.

lupo neve
La decisione del governo svedese lascia perplessi ©Marcel Langthim

Una decisione poco sensata

La caccia in Svezia è un argomento politicamente molto importante, molto caro ai membri del governo. Basti pensare che il parlamento svedese ha un club di caccia aperto a tutti i membri dei partiti. Che questa forte passione per la caccia abbia favorito questa scelta, non possiamo affermarlo. Tuttavia, di basi scientifiche ce ne sono molto poche, ma secondo Gunnar Glöersen, direttore dell’associazione svedese della caccia: “è una caccia assolutamente necessaria per controllare la crescita della popolazione di lupo più ampia degli ultimi tempi”. Gli scienziati invece hanno opinioni diverse. La Svezia infatti può ospitare una popolazione di almeno mille individui, mentre per mantenere una popolazione in salute (grazie alla diversità genetica) bisognerebbe avere circa 1.500 individui. Ma in Svezia ne hanno 460, troppi, l’Italia ne conta tremila.

Un problema scandinavo

Così come in Svezia anche in Norvegia la conservazione del lupo lascia perplessi. La Norvegia ha adottato una politica di gestione del lupo molto restrittiva fissando un obiettivo massimo – e questo massimo è da sottolineare – di 4-6 cuccioli all’anno. Cosa significa? Avere un numero massimo come obiettivo fa si che una volta raggiunto gli altri individui siano in surplus, consentendo così ai cacciatori di abbatterli. E ogni anno i lupi vengono decimati.

Quindi, una doppia pressione potrebbe mettere a serio rischio la sopravvivenza del lupo in quest’area, che già di per sé non se la passa benissimo. Una nota positiva, il primo giorno di caccia i cacciatori sono tornati a casa a mani vuote.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Un olivastro di migliaia di anni in Sardegna è arrivato terzo agli European Tree of the year awards 2024

Sale sul podio l’olivastro millenario di Luras, in Sardegna, nell’ambito del prestigioso riconoscimento European tree of the year 2024: l’albero italiano ottiene il terzo posto, dietro a “The weeping beach of Bayeux” in Francia e al vincitore “The heart of the garden” in Polonia, quest’ultimo accreditato con quasi 40.000 voti. European Tree of the year