Cosmesi naturale

Triclosan, detergenti intimi e dentifrici antibatterici a rischio

Il triclosan è un antibatterico dannoso per la salute e l’ambiente. E Test-Salvagente lancia una petizione per chiedere alle aziende di toglierlo da saponi, dentifrici e detergenti.

Chi avrebbe pensato che lavarsi i denti o le mani avrebbe potuto costituire un pericolo? Eppure è così secondo la Fda, la Food and drug administration americana, che ha appena tolto dal mercato statunitense 19 sostanze chimiche presenti in saponi e detergenti potenzialmente nocive per la salute dei consumatori e dell’ambiente.

Tra queste, spicca il triclosan (o triclosano), un derivato triclorurato del fenolo con una struttura molecolare molto simile a quella della diossina, utilizzato principalmente come antibatterico in saponi, dentifrici e detergenti intimi, anche pediatrici.

I pericoli del triclosan

Sulla sua efficacia non vi sono prove scientifiche certe, mentre da tempo la sostanza è sotto accusa: considerata un interferente endocrino potenzialmente rischioso per la salute a fronte di un uso prolungato, secondo la FDA potrebbe sviluppare fenomeni di antibioticoresistenza.

Come il più noto glifosato, cioè l’erbicida più utilizzato al mondo specialmente per le colture Ogm, anche il triclosan può causare gravi danni all’ambiente legati a una larghissima produzione che ha portato a trovarne traccia anche nei nostri mari. Ma, mentre in Europa si discute da anni se vietare il glifosato e in Italia, dal 22 agosto, il ministero della salute che ne limita l’uso e il commercio, per quanto riguarda il triclosan non si è fatto ancora abbastanza.

Il triclosan è presente in numerosi saponi e detergenti.
Il triclosan è presente in numerosi saponi e detergenti.

La situazione triclosan in Italia

Anche molti dei prodotti sugli scaffali dei nostri supermercati contengono triclosan: secondo la rivista Test-Salvagente, che si è presa la briga di verificare le etichette, i più preoccupanti sarebbero i detergenti intimi, soprattutto quelli testati da cliniche pediatriche (e che sarebbero destinati perciò anche ai più piccoli), e i dentifrici “antibatterici”. Oltre alle salviettine intime e i deodoranti in crema o stick. L’elenco delle marche è stato reso pubblico dalla rivista a questo link.

I prodotti “a rischio” sono diversi e molto diffusi. Attualmente in Italia è in vigore il regolamento 358/2014 che ha fissato nuovi limiti per l’utilizzo del triclosan: “dentifrici, saponi per le mani, saponi per il corpo/gel doccia, deodoranti (non spray), ciprie e correttori, prodotti per le unghie e per la pulizia delle unghie delle mani e dei piedi prima dell’applicazione di unghie artificiali: concentrazione massima d’impiego: 0,3% nei colluttori: 0,2%”. Una percentuale considerata però ancora troppo elevata.

La petizione Stop Triclosan chiede alle aziende italiane di rimuovere questa sostanza da saponi intimi e dentifrici.
La petizione Stop Triclosan chiede alle aziende italiane di rimuovere questa sostanza da saponi intimi e dentifrici.

Per questo, Test-Salvagente ha deciso di chiedere alle aziende italiane di ritirare dal mercato i prodotti che contengono la sostanza nociva, lanciando la petizione Stop Triclosan. Tutte le info qui.

Articoli correlati
Ciglia più forti e belle con metodi naturali

Le vogliamo folte, lunghe e ben incurvate. Tant’è che spesso anche i mascara più tecnologici non riescono a soddisfarci totalmente. Possiamo però rinforzare le nostre ciglia e aiutarle a crescere meglio: vediamo insieme come

Depilazione: metodi naturali ed efficaci

I peli superflui, per le donne, sono un problema più grande rispetto alla cellulite. Eppure i modi per liberarsene sono molti. Pochi però sanno che ci sono anche metodi naturali, che in più funzionano molto bene: ecco i più efficaci