Wuwei la sostanza del dettato taoista

Wuwei letteralmente significa non agire,non interferire la sostanza del dettato taoista l’adepto taoista ideale non è affatto disinteressato

Wuwei letteralmente significa “non agire”, ma tale traduzione fa
pensare a un intellettuale isolato ed apatico nella sua ascesi. La
traduzione “non interferire” rende meglio la sostanza del dettato
taoista. Di fatto, l’adepto taoista ideale non è affatto
disinteressato della società, anzi, nella sua
capacità di sintonizzarsi con l’Universo, persegue una
conoscenza ben più profonda e pervasiva del normale.

Se avete mai provato a nuotare in un fiume, sapete benissimo che
credere di affermare totalmente la propria individualità
andando contro corrente sarebbe soltanto uno spreco di energie.
Similmente il taoista cerca, nel corso della sua esistenza, di
capire quale sia la posizione più idrodinamica, appunto per
“non interferire” con il corso dell’Universo.

La vita viene concepita quindi non come un atto di affermazione
prevaricatrice, ma come una mossa di comprensione e adattamento. In
quest’ottica, già la nascita è percepita come l’inzio
di un distacco e di un degrado rispetto a un’armonia del Cosmo. Il
nostro diventare individui minaccia tale capacità di
preservare la percezione dell’armonia universale, il ristabilimento
della quale dev’essere il vero fine della nostra esistenza, in
mezzo al rumore del desiderio di autoaffermazione.

Il Tao potrebbe definirsi appunto quest’armonia e, al contempo, la
maniera di raggiungerla e di praticarla. Attenzione però:
ogni definizione del Tao va presa con cautela, il Tao, di per
sé, è inafferrabile e indefinibile compiutamente. A
rigore, la conoscenza del Tao non si potrebbe esplicitare a parole:
assieme al “non interferire”, il saggio taoista è invitato a
“non parlare”. Non con le parole il maestro dovrebbe trasmettere la
dottrina al discepolo; in questo, il Taoismo “anticipa” certe
correnti del Buddhismo chan, meglio noto come zen, che prescrivono
la trasmissione “silenziosa” della dottrina mistica.
“Buona musica e cibo succulento possono attirare il passante. Ma il
Tao è insonoro ed insapore”.

 

Articoli correlati
Tao, visione da occidentali

Mentre gli occidentali considerano Yin-Yang una dualità assoluta, il simbolo che rappresenta tutto ciò, il Tao, esprime l’unità e i poli, le loro qualità differenti.

Filosofia cinese

La struttura fondamentale della filosofia cinese – e lo strumento base della sua civiltà – è la scienza intuitiva che si sviluppa come etica e come politica

Il Tao

Il Tao è un simbolo, una formula geometrica, che rappresenta l’energia unica; ma anche il principio e la legge essenziale di ogni manifestazione universale

Buddha, l'”Illuminato”

Quando il Buddismo dilagò in Cina, i taoisti non esitarono ad affermare che il maestro era arrivato sino in India, con il nome di Buddha, l'”Illuminato”

Pillole taoiste

Controindicazioni: nessuna. Possibili effetti collaterali “illuminanti”. Pillole di taoismo, per conoscere e apprezzare le storie di Lieh Tzu