Salviamo la barriera corallina del Belize. Con una mail

Quasi in 150mila hanno firmato un appello del Wwf al governo del Belize: salvi la seconda barriera corallina più grande del mondo e la Grande Voragine Blu.

Circa 145mila persone da tutto il mondo hanno risposto ad un appello lanciato dal Wwf, inviando una mail al primo ministro del Belize, Dean Barrow. Obiettivo: salvare la barriera corallina, situata nelle acque del Mare dei Caraibi, lunga complessivamente 300 chilometri (la più grande dell’emisfero boreale, seconda al mondo solo alla grande barriera australiana).

 

Cemento e petrolio i pericoli maggiori

Il sito naturale – del quale fa parte la celebre Great Blue Hole (Grande Voragine Blu), ovvero una dolina carsica subacquea formatasi durante l’ultima era glaciale – è infatti da tempo in pericolo. A comprometterne lo stato di salute è l’inquinamento di origine principalmente agricola, associato al turismo, alla navigazione, alle attività industriali, alla pesca, alla cementificazione della costa e ai cambiamenti climatici.

 

 

Lo sbiancamento dei coralli è una delle principali conseguenze di tale situazione critica. Per questo, il Wwf ha deciso di rivolgersi direttamente al governo della nazione dell’America centrale, affinché vengano “bloccate tutte le attività di estrazione petrolifera sull’insieme delle acque del Belize, tenuto conto dei troppi rischi che esse comportano e degli impegni assunti da parte del paese per lo sviluppo delle energie rinnovabili”.  

Nella barriera del Belize 1.400 specie animali e vegetali

“Di recente – prosegue l’associazione ambientalista – gli ecosistemi della barriera corallina sono stati seriamente danneggiati proprio dalle costruzioni sulla costa e dalle concessioni per l’estrazione di greggio”. Il che nell’area rischia di portare ad un’autentica catastrofe ambientale. Basti pensare che l’area ospita non meno di 1.400 tra specie vegetali e animali.

 

 

Senza dimenticare, aggiunge il Wwf, che anche le popolazioni locali, che vivono essenzialmente di pesca e di turismo, sono minacciate dallo sfruttamento industriale intensivo. Per questo l’organizzazione ecologista domanderà degli impegni concreti nel corso della riunione del Comitato del Patrimonio mondiale dell’Unesco, del quale la barriera corallina del Belize fa parte, in programma a Istanbul fino al prossimo 20 luglio.

 

Immagine di apertura tratta da YouTube.

Articoli correlati
Nasce l’Amazzonia d’Europa

E’ stato raggiunto lo storico accordo che porterà alla nascita di una riserva naturale già ribattezzata “l’Amazzonia d’Europa”. Cinque i paesi coinvolti.