Yoga

Yoga dog o Doga, come fare yoga con i cani

Se amate lo yoga e avete un cane niente di meglio dello yoga per cani, yoga dog o Doga. Per passare un po’ di tempo con il vostro amico, rilassarvi e star bene insieme.

Se amate e praticate lo yoga e avete un cane, ora c’è un’opportunità in più per unire i benefici di questa antica disciplina al tempo libero da trascorrere con l’amato quattro zampe. Nato negli Stati Uniti, famosissimo e molto praticato in Giappone, ora per finalmente insegnato anche nel nostro paese, lo yoga dog – da alcuni chiamato Doga – è, infatti, una disciplina che prevede posizioni specifiche dello yoga classico e tecniche di meditazione e respirazione da effettuare insieme al proprio cane, sotto la guida di un istruttore e di un esperto di stretching e rilassamento muscolare animale. L’esperienza yoga filtrata attraverso quella del proprio cane aiuta a focalizzare e aumentare il legame emotivo cane-uomo, favorendo il rilassamento di entrambi, e ottenendo anche alcuni piccoli e grandi cambiamenti della forma fisica con specifici esercizi di stretching da praticare all’unisono.

bella yoga
L’osteopata Debora Severo inizia a preparare uno dei partecipanti a quattro zampe della seduta di Yoga Dog.

Yoga con i cani e uomini, per il benessere di entrambi

Il Centro cinofilo amici di Gedeone ha in programma due giornate dimostrative sull’argomento nel mese di gennaio: “Con il Doga il cane si abitua a un rapporto intenso con il proprio partner umano, e la combinazione di respirazione, movimenti, allungamenti e posizioni tipiche dello yoga aiuta entrambi a raggiungere un’armonia totale, anche attraverso il piacere della manipolazione e della scelta delle varie “posizioni” effettuate insieme.  In particolare il Doga contribuisce a sviluppare un rapporto empatico fra l’animale e la persona in sincrono con quello fisico e tattile, attraverso una condivisione di respiro ed esercizio fisico”.

WP_20160226_023
Il respiro dell’uomo e del cane si sincronizzano durante lo Doga, yoga per cani

“Lo Yoga praticato con il proprio cane diventa una panacea per molti problemi sia umani che animali. Praticando gli esercizi di stretching, infatti, i cani traggono benefici diretti. In questo modo si aiuta la muscolatura dell’animale, tonificandola e favorendo l’elasticità delle articolazioni, così come avviene anche nell’essere umano. Un vantaggio immediato è lo sblocco delle tensioni interne che, di conseguenza,  favorisce la calma e la tranquillità del cane e del compagno bipede. Grazie agli esercizi molti cani hanno cambiato umore e comportamento, e molti soggetti turbolenti e agitati possono così sfogare lo stress divenendo più tranquilli. Anche un cane caratterialmente instabile può diventare più socievole e meno aggressivo verso le persone e l’ambiente circostante”, spiega Debora Severo, osteopata che ha iniziato il suo cammino in ambito umano per poi trasferire le sue conoscenze in quello animale.

Lo yoga dog è utile anche per i soggetti sportivi, che partecipano a esposizioni cinofile o vengono utilizzati per attività di lavoro in quanto gli esercizi permettono loro il rilassamento, favoriscono il superamento di situazioni di stress, aiutano la concentrazione e la calma. In ogni caso lo Doga va bene e può essere indicato per tutti: cuccioli, soggetti anziani, cani con alcune criticità come l’iperattività e la mancata socializzazione.

“Non avendo nessuna controindicazione – prosegue Debora Severo – lo yoga dog è l’ideale per un grande ventaglio di situazioni ed esigenze differenti sia delle persone che degli animali”. Il cane si abitua a un rapporto intenso con l’uomo, la combinazione di respirazione, movimenti, allungamenti e posizioni tipiche dello yoga aiuta nel contempo il compagno umano instaurando un rapporto ottimale con il quattro zampe.

Durante la seduta, infatti, si impara a manipolare il corpo del cane, a spostarlo e a toccarlo, pur senza invaderne lo spazio vitale, modulando il suo respiro con il nostro, le sue esigenze e i suoi desideri. “Il tutto – conclude Severo – sviluppa un rapporto empatico fra i due soggetti. E ne stimola la conoscenza reciproca e la crescita”. La seduta di yoga dog (Doga) può essere replicata, con le medesime modalità, anche a casa propria, in giardino, in campagna o in un altro luogo tranquillo. Pochi e semplici gli oggetti necessari: un tappetino gommato per uomo e cane, una comoda tuta, e una manciata di tempo libero per rilassarci insieme.

yoga
Un luogo appartato, magari nella natura, un cane e un po’ di tranquillità: ed è subito Yoga Dog!

Come si svolge una seduta di Yoga Dog

Gli incontri di yoga dog si avvalgono della presenza di un istruttore yoga e di un osteopata per animali specializzato in stretching e in rilassamento muscolare. Seguono solitamente uno schema ben preciso che poi può essere ripetuto in privato. L’inizio prevede il cosiddetto Mantra (cioè le vibrazioni dei suoni che apportano energia agli organi interni); 4-5 esercizi per il proprietario mentre il cane, al suo fianco, viene lasciato tranquillo e prende familiarità con la situazione; respirazione congiunta della persona con il quattro zampe (basta mettere una mano sul corpo del proprio cane per capire come sia facile sincronizzare il proprio respiro con il suo); esercizi di stretching con il cane; Mantra finale; rilassamento e meditazione.

Il Centro cinofilo Gli amici di Gedeone (Località Caresana 157, San Dorligo della Valle (TS) tiene incontri di yoga per cani martedì 3 gennaio e domenica 8 gennaio 2017. Due giornate dedicate alla presentazione e alla dimostrazione dello Doga (yoga per cani) con l’istruttrice yoga Gaya Ujka e l’osteopata Debora Severo.

Per informazioni

Telefono: 342 700 3732

Mail: [email protected]

 

La partecipazione è gratuita previa prenotazione con nome, cognome, indirizzo, nome del cane e recapito telefonico o mail con gli stessi dati.

Articoli correlati
Avvicinarsi allo yoga è l’inizio di un viaggio

Sembrano solo due ore in palestra ma non è così. Con le sue origini che si perdono nella notte dei tempi, lo yoga è un sistema filosofico che può migliorare la vita. L’editoriale di Giulia Borioli, presidente di YogaFestival.

Yoga all’aperto, un ritorno alla natura

Praticare yoga all’aria aperta consente di percepire l’abbraccio della natura, ascoltare il respiro della Terra e riconnettere a essa il proprio io più profondo.