Rimedi naturali

Zanzare, i rimedi più efficaci

Aspettiamo con ansia l’estate, sinonimo di caldo, vacanze e cene all’aperto con amici. Inesorabilmente però, con la bella stagione, arrivano le zanzare ed altri insetti , ad infastidirci con le loro punture.

Il primo consiglio è sempre quello di creare una barriera fra le zanzare e la nostra casa, dove appunto tendono a nascondersi. Quindi attrezzarsi con piante che emanino profumi sgradevoli per i nostri nemici, ad esempio piante aromatiche facili da coltivare e che si possano sfruttare per l’uso quotidiano in cucina, quali basilico, rosmarino, menta, lavanda e citronella. Possiamo potenziare questi profumi,  sicuramente  gradevoli agli esseri umani, con oli essenziali da rinnovare giornalmente. Quello di lavanda è generalmente il più usato, praticamente un classico ma sempre sulla cresta dell’onda. Versarne alcune gocce  in un fazzolettino di carta, un batuffolo di ovatta o meglio su una pallina di legno o di cotone da tenere sul davanzale della finestra o eventualmente anche sul comodino.

Lavander oil

Cosa piantare

Nei vasi sul balcone o nei giardini potranno crescere il geranio, la calendula, l’erba gatta e non ultima la catambra, pianta dalla folta chioma e antizanzare per eccellenza, che potremo trovare in varie dimensioni in base alla nostra esigenza e allo spazio a nostra disposizione.

Come difendersi mangiando

Non dimentichiamoci che una dieta ricca di vitamine del gruppo B rende l’odore della nostra pelle, per noi veramente impercettibile, sgradevole alle zanzare che riescono a percepirlo già a diversi metri di distanza.

E poi consumate basilico, menta e rosmarino in abbondanza e la lavanda per una gradevole tisana da sorseggiare anche fresca. Anche peperoncino, aglio e pepe nero faranno in modo di rendervi meno appetibili.

pepe-02J44780

I prodotti contro le zanzare

Esistono in commercio, in genere nelle erboristerie, una serie di spray da distribuire direttamente sulla pelle con principi attivi molto fastidiosi per le zanzare. Questi prodotti, assolutamente privi di tossicità, andrebbero spruzzati abbondantemente anche sotto i tavoli durante le cene estive all’aperto. In questi casi sono sempre utili anche incensi specifici e candele alla citronella.

L’olio di Tea tree è un ottimo repellente e funziona in modo fantastico anche sull’eventuale puntura dell’insetto, donandovi immediato sollievo. Il suo aroma molto forte allontana zanzare e insetti in genere esattamente come l’olio di Neem, meno gradevole ma comunque estremamente efficace.
Potete diluire poche gocce di questi oli in una crema o semplicemente in un gel d’aloe che userete quotidianamente per proteggervi.

Un altro classico e ormai rodato prodotto antizanzare è il ledum palustre, un rimedio omeopatico in granuli, che preso per via orale rende la sudorazione sgradevole ai delicati e sensibili recettori delle zanzare.In genere si usa la diluizione 5 CH o 9 CH e se ne assumono 3 granuli per 3 o 4 volte al giorno sotto la lingua e lontano dai pasti. Se il problema è più complesso e le vostre punture di insetto tendono a gonfiarsi, vale la pena assumere Apis mellifica 200 CH in dose unica, continuando poi con i globuli di Istaminum 5 CH, 3 granuli ogni 2 ore fino a netto miglioramento.

Blackcurrant bush

Le piante indispensabili

Il ribes nero mg è un ottimo alleato se si deve contrastare una forte reazione alle punture di zanzare o altri insetti. Se sappiamo di essere a rischio si consiglia di assumerlo insieme a rosa canina mg sin dall’inizio della stagione estiva, come preventivo. Il dosaggio dovrà essere calibrato in base all’età e alla corporatura di chi lo deve assumere.

Anche i fiori australiani possono aiutarci, quindi tenere sempre con sé la preparazione emergency sia in crema che in gocce. La prima da applicare subito dopo la puntura e le gocce da assumere per via sublinguale (7 gocce ogni 10 minuti per 4 o 5 volte), fino a regressione della reazione. Se il prurito è molto intenso aggiungere sia alle gocce che alla crema Spinifex, cespuglio erboso con foglie aghiformi originario del continente australiano, che svolge un’azione purificante e lenitiva sui disturbi fisici.

Aloe Vera with Lotion Box

La scelta riguardo le creme da utilizzare per lenire e calmare il prurito è ampia: si va dalla pomata omeopatica a base di arnica/urtica alle creme e ai gel d’aloe con olio di tea tree, oppure all’olio essenziale di lavanda.

Ottimi anche gli stick dopo puntura, sempre su base naturale.

Articoli correlati