La legge sui parchi oggi compie 25 anni

Auguri ai 24 parchi nazionali italiani ma anche a tutte le aree protette terrestri e marine. Sono un gioiello dell’Italia. Oggi ancora di più serve un impegno per rafforzare la rete esistente e dare applicazioni ai parchi previsti.

Nel dicembre 1991 ottenemmo finalmente, dopo anni di lotta, la legge quadro sulle aree protette, la 394/91. Gianluigi Ceruti e gli altri deputati verdi furono determinanti per quel successo. Per esempio, io personalmente mi impegnai per ottenere il parco Vesuvio che fino all’ultimo fu sotto attacco da parte degli speculatori e insistemmo per il Cilento.

cilento
Il parco nazionale del Cilento, in Campania, istituito nel 1991

In questi 25 anni, quella ottima legge ha garantito all’Italia una rete di parchi stimata in tutto il mondo. Ma mancano ancora tre dei quattro parchi nazionali che nel dicembre 2007 riuscii ad inserire nella finanziaria. Quest’anno è stato istituito quello di Pantelleria ma mancano Eolie, Egadi, litorale trapanese e monti Iblei. E da tempo anche il litorale teatino, il Gennargentu e il Delta del Po.

Serve un impegno per rafforzare la rete esistente e dare applicazioni ai parchi previsti. Ma intanto, auguri ai 24 parchi nazionali italiani ma anche a tutta la rete delle aree protette terrestre e marine. Sono un gioiello dell’Italia.

Articoli correlati
Il 21 novembre è la Giornata nazionale degli alberi, festeggiala con noi

Il 21 novembre è la Giornata nazionale degli alberi, nata per celebrare l’importanza che questi esseri viventi hanno avuto e continuano ad avere per la vita sulla Terra. Ma cosa possiamo fare per aiutarli? Tornare bambini e sporcarci le mani di terra, per esempio. Ma se non abbiamo questa possibilità, nessun problema: le alternative ci sono.