57 pesticidi stanno avvelenando le nostre api

Quechers è un metodo che si usa per individuare residui di pesticidi nel cibo. Con questa metodologia di analisi è stato possibile eseguire screening su oltre 200 tipi diversi di pesticidi a cui sono esposte le api. E anche sulle sostanze che si creano con la loro interazione.

Le api europee sono avvelenate, secondo un nuovo studio, da un cocktail di 57 pesticidi. Sostanze, nel 98 per cento dei casi, regolarmente autorizzate dalla Ue. E le api muoiono.

Come stiamo intossicando le api

Sono almeno 57 i diversi pesticidi a cui sono esposte le api europee, che da questi vengono avvelenate. Il dato emerge da uno studio polacco, pubblicato sul Journal of Chromatography, che ha individuato il cocktail tossico nelle api con un metodo capace di analizzare la presenza di 200 pesticidi contemporaneamente.

Le api europee avvelenate da cocktail di 57 pesticidi. Studio, il 98% delle sostanze testate è autorizzato dalla Ue.
Le api europee avvelenate da cocktail di 57 pesticidi. Studio, il 98% delle sostanze testate è autorizzato dalla Ue.

I risultati del nuovo metodo di indagine

È stato usato un nuovo metodo – Quechers – per individuare un range vastissimo di pesticidi nelle api. così i ricercatori hanno svolto i loro test sulle api colpite da 70 casi di avvelenamento e hanno scoperto che, a ucciderle, non è un solo pesticida, ma è la combinazione di diversi pesticidi – presenti negli insetti morti, un vero e proprio cocktail mortale – e dell’esposizione prolungata nel tempo.

La minaccia globale per le api del cocktail di pesticidi

Gli scienziati fanno anche notare che il 98 per cento delle sostanze individuate nel corso dello studio è regolarmente autorizzato dall’Unione europea. I ricercatori sottolineano la gravità della minaccia globale per le api: negli Stati Uniti le popolazioni di questi insetti sono in drammatico calo a causa della sindrome dello spopolamento degli alveari (colony collapse disorder), mentre in Europa si è rilevato un legame tra l’utilizzo dei pesticidi e le morti di api, che ha portato a uno stop per l’uso dei neonicotinoidi. Tuttavia lo studio condotto dall’Istituto polacco di ricerca veterinaria sottolinea che vietare un’unica famiglia di pesticidi potrebbe non essere abbastanza per salvare le api.

L’importanza delle api

“Le api sono di un’importanza cruciale per l’ambiente – spiega l’autore principale dello studio Tomasz Kiljanek – per questo volevamo sviluppare un test per un gran numero di pesticidi al momento autorizzati dall’Ue”. “Il nostro studio è appena l’inizio di una ricerca sull’impatto dei pesticidi sulla salute delle api – conclude Kiljanek – perché i casi di avvelenamento sono solo la punta dell’iceberg. Anche a livelli minimi i pesticidi possono indebolire i sistemi di difesa delle api permettendo a parassiti o virus di uccidere intere colonie”.

Ape che si nutre di nettare
Da oltre 130 milioni di anni gli animali impollinatori, originariamente erano solo mosche e coleotteri, aiutano i fiori a espandere il proprio areale e a riprodursi

Così tanti pesticidi in uso

Con così tanti pesticidi in uso, è difficile stabilire quali colpiscano più gravemente le api e quali meno. Quello che è certo, è che certe combinazioni di pesticidi (l’effetto cocktail) e l’esposizione perdurante nel tempo vanno a danneggiare le api in molti modi, dalla tossicità all’indebolimento delle loro difese dai parassiti e dalle malattie.

Articoli correlati