Animal Equality svela irregolarità e crudeltà dietro la mozzarella di bufala

Considerata tra le eccellenze italiane, la produzione di mozzarella di bufala cela pratiche crudeli e dal grande impatto ambientale.

La mozzarella di bufala è indubbiamente uno dei prodotti d’eccellenza della gastronomia italiana, noto ed esportato in tutto il mondo. Dietro il suo latteo candore si celano però spesso pratiche illegali, che nuocciono non solo alla salute degli animali allevati, ma anche all’ambiente e, pertanto, all’intera comunità. Lo ha rivelato l’associazione Animal Equality, che ha pubblicato un nuovo video-documentario intitolato Una bufala tutta italiana.

Il lato oscuro della mozzarella

Le immagini girate dagli investigatori di Animal Equality, riprese in allevamenti di bufale in Campania e nel Nord Italia, mostrano inequivocabilmente il cattivo stato in cui versano gli animali. Si vedono animali coperti di fango e feci fino alle ginocchia, bufale coperte di mosche, costrette a vivere di fianco a corpi di animali morti e la carcassa di un cucciolo di bufalo, maldestramente occultata sotto paglia e feci.

Leggi anche

Il triste destino dei bufali maschi

Tale incuria si estende alle strutture e alle condizioni igienico-sanitarie. Gli investigatori hanno infatti documentato allevamenti fatiscenti e operatori non autorizzati che, senza alcune supervisione veterinaria e adeguate precauzioni igieniche, somministrano farmaci agli animali. I cuccioli maschi di bufalo, proprio come i pulcini maschi nella produzione industriale di uova, sono ritenuti uno scarto inutile e improduttivo, di cui sbarazzarsi con la minima spesa. Spesso, secondo Animal Equality, gli allevamenti non hanno intenzione di sobbarcarsi neppure tale spesa, tra i 20 e i 30 euro per la macellazione a norma di legge, e preferiscono lasciarli morire di stenti nelle zone circostanti gli allevamenti, come dimostrano anche le immagini acquisite dai carabinieri di Castel Volturno.

Cucciolo di bufalo in un allevamento campano
Per “liberarsi” correttamente dei bufalini maschi, gli allevatori dovrebbero mandarli sistematicamente al macello, spendendo dai 20 ai 30 € per macellarli a norma di legge. Ma questa cifra graverebbe sui profitti dell’azienda e quindi la soluzione più semplice è abbandonare i bufalini a loro stessi © Animal Equality Italia/Flickr

Quanto inquinano gli allevamenti

Gli allevamenti di bufale mostrati nel documentario non si “limitano” a sottoporre gli animali a violenze non necessarie, hanno anche un elevato impatto ambientale sul territorio circostante. Lo ha testimoniato Paolo Bernini, ex parlamentare e attivista per i diritti animali, che con la sua telecamera e grazie all’intervento dei Carabinieri, ha documentato tra il 2013 e il 2018 sversamenti di liquami effettuati dagli allevamenti nella provincia di Napoli e Caserta. “Il problema degli sversamenti dei liquami è che questi liquami poi vanno a finire nella falda acquifera e quindi anche nell’acqua che le persone che abitano quel territorio bevono”, ha affermato Bernini.

Bufale allevate per la produzione di mozzarella
Animal Equality ha documentato condizioni igienico sanitarie preoccupanti negli allevamenti osservati © Animal Equality Italia/Flickr

Urgono controlli, e consapevolezza

Alla luce delle inquietanti scoperte, che ancora una volta contribuiscono a dischiudere il vaso di Pandora degli allevamenti intensivi, Animal Equality chiede un aumento dei controlli da parte di autorità competenti e Asl, che vanno resi più efficaci ed efficienti. “Ma soprattutto – si legge in un comunicato dell’associazione per i diritti degli animali – è fondamentale far conoscere a tutti il vero funzionamento di questa industria, che ancora oggi, per poter produrre la mozzarella di bufala, nasconde crudeltà, violenze e territori devastati”.

Articoli correlati
Biologico e salute, un binomio che convince

Il biologico è definitivamente uscito dalla nicchia: gli acquisti bio sono cresciuti anche nel periodo dell’emergenza coronavirus. Un riflesso del desiderio di un mondo più sostenibile, ma anche della consapevolezza di quanto il bio sia sicuro per la salute umana e dell’ambiente.