Chi è Htin Kyaw, il nuovo presidente della Birmania

Il nuovo presidente della Birmania è Htin Kyaw, amico di lunga data e uomo fidato di Aung San Suu Kyi. Il parlamento ha confermato la sua nomina il 15 marzo.

Il nuovo presidente del Myanmar è Htin Kyaw, 69 anni, l’uomo più vicino a Aung San Suu Kyi. Era stato nominato il 10 marzo dalla Lega nazionale per la democrazia (Nld) e la sua carica è stata confermata dal parlamento martedì 15 marzo.

Le elezioni presidenziali della Birmania

La Ndl, che si era aggiudicata la maggioranza assoluta in entrambe le camere del parlamento durante le elezioni popolari tenutesi a novembre 2015, ha svelato i due nomi dei candidati il 10 marzo. Il terzo è stato presentato il giorno dopo dall’esercito che controlla un quarto dei seggi in parlamento.

Una volta che il comitato parlamentare, composto da sette legislatori, ha accertato l’eleggibilità dei tre candidati, il presidente è stato eletto ufficialmente con il voto congiunto delle due camere del parlamento. Htin Kyaw ha ottenuto 360 voti su un totale di 652. Gli altri due candidati sono diventati vicepresidenti: il candidato dell’esercito Myint Swe, ha ricevuto 213 voti, seguito dall’ufficiale dell’esercito in pensione Henry Van Hti Yu, di 58 anni, nominato dalla Ndl. Il nuovo governo comincerà il suo mandato a partire dal primo aprile.

Il partito di Aung San Suu Kyi, la Lega nazionale per la democrazia, ha ottenuto una vittoria schiacciante nelle elezioni parlamentari, le prime dopo decenni di dittatura militare © Lauren DeCicca/Getty Images
Aung Sun Suu Kyi © Lauren DeCicca/Getty Images

 

Chi è Htin Kyaw

Il nuovo presidente della Birmania, Htin Kyaw, ha 69 anni ed è originario di Yangon, la capitale finanziaria della Birmania. È uno dei più vecchi amici di Aung San Suu Kyi, nonché uno dei suoi uomini più fidati. “Kyaw gode di una grande reputazione all’interno del partito e suo suocero, U Lwin, è uno dei suoi fondatori”, riporta il giornale nazionale Irrawaddy. Htin Kyaw era compagno di studi di Aung San Suu Kyi e, durante i 15 anni in cui la leader della Ndl è stata agli arresti domiciliari, le ha fatto visita regolarmente.

Aung San Suu Kyi, leader da dietro le quinte

Prima che i candidati venissero annunciati, molti sostenitori della Nld speravano di vedere Aung San Suu Kyi diventare presidente. Questo sarebbe stato possibile soltanto con un emendamento della costituzione del 2008 scritta dai militari, che vieta ai cittadini che hanno membri della famiglia di origine straniera di diventare presidente. Tuttavia, la leader del partito, che ha due figli inglesi, ha confermato più volte che guiderà comunque il partito da dietro le quinte.

“Questo è il primo passo per realizzare i desideri e le aspettative delle persone che hanno sostenuto la Lega nazionale per la democrazia durante le elezioni in modo schiacciante”, ha scritto Aung San Suu Kyi sulla sua pagina Facebook. Il nuovo governo della Birmania sarà il primo ad essere eletto democraticamente dopo cinquant’anni di dittatura militare.

Tradotto da

Articoli correlati